hai scelto:homeprogettiinterior design

Concorso:

Houdini

Graduatoria:

Selezionati

Progettisti:

Giovan Giacomo Lamassa

Aziende partner:

LAUFEN Italia s.r.l.

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

AHA
Benessere collettivo

Il progetto Aha nasce dalla visione di un nuovo concetto di bagno, che rivendica il bisogno di una collettivita' celata da cultura e false morali. Un oggetto, o meglio una "sequenza" di oggetti, che raffigura non solo la necessita', ma il piacere di vivere il bagno in modo partecipativo. Quattro elementi pratici ed eleganti che si inseriscono in un'unica struttura in acciaio, simboleggiando un benessere che e' frutto di una pratica sociale e non piu' solo individuale.

Aha riscopre la tradizione e la cultura del bagno privato, privilegiando alla pura razionalita' funzionale una ben piu' profonda spontaneita' comportamentale. A prima occhiata sembra quasi essere una strana panchina dove al posto della seduta c'e' un water, ma l'aspetto, seppur vagamente ironico, accende l'istinto sociale di chi in bagno ci va per piacere.

A un primo, apparente disordine visivo si contrappone un forte significato figurativo ed emozionale, unito alla sensazione di sincerita' progettuale che si infonde sull'utente, e lo rende libero di esprimere i propri comportamenti in modo assolutamente spontaneo. Aha si propone come il testimone di un bagno che si estende a tutta la casa, senza piu' tabu', senza costrizioni progettuali, nella dimensione di un'idea di benessere e relax che si realizza prima nella mente e poi si diffonde in tutto il corpo.

Aha propone con linee sinuose quattro elementi funzionali capaci di dialogare anche al di fuori dell'ambiente bagno. La possibilita' di comporre e scomporre a piacimento water, bidet, lavabo e seduta spinge il concept verso nuovi ambienti stilistici e funzionali. L'unico elemento fisso, il tubolare in acciaio cromato, tende a trasformare metaforicamente l'instabilita' e la morbidezza dell'acqua in stabilita' e durezza.

L'acqua diventa il quinto, essenziale elemento in grado di sorreggere, di unire, di caricare di significato quanto vi si trova sopra. Un flusso di brillante acciaio cromato unisce e sorregge tre elementi propri dell'ambiente bagno ad un quarto, solo apparentemente estraneo, derivato da un contesto esplicitamente collettivo.

La morfologia dei vari oggetti richiama fortemente un organicismo proprio dell'ambiente marino, e va ad accentuare alcune linee e alcuni dettagli che valorizzano quell'idea di naturalezza e spontaneita' esplicitamente dichiarate dal concept. Il lavabo si erge dal tubolare in acciaio come se fosse un'onda, cosi' creando in modo spontaneo una sorta di portaoggetti ideale per asciugamani o quant'altro possa essere utile a chi va in bagno anche soltanto per sedersi un attimo.

La linearita' del lavello, come della manopola scarico per il water, e' plasmata dalla forza dell'acqua stessa e rafforza la volonta' di raffigurarne la solidita' e la potenza. Allo stesso modo alcuni particolari progettuali sono suggeriti dal vigore dell'acqua, e da come questo sia fondamentale nel progettare come nel vivere il bagno.

La qualita' funzionale di Aha e' evidente nel valore assegnato al comportamento del sedersi, a come ogni attivita' propria del bagno viene associata a considerazioni progettuali rivolte verso la possibilita' di creare spazi individuali e collettivi per sedersi.

L'importanza della seduta come elemento di congiunzione tra necessita' e piacere, tra bagno e area relax, tra bagno e il resto della casa, diventa predominante in un progetto dove unione, benessere psichico e socialita' si fanno sentire in modo marcato in ogni linea e in ogni forma.

I colori predominanti molto tenui: il bianco e il cromo, aggiungono sobrieta' all'oggetto, mentre il giallo caldo dell'elemento seduta si estranea liberamente da qualsivoglia contesto domestico rendendosi quasi atopico ed eclettico allo stesso tempo.

L'oggetto per il bagno si trasforma in oggetto collettivo, e cosi' finisce per invadere irrimediabilmente anche altri ambienti della casa. Aha rilegge concetti e metodologie tipici del ready-made e del design organico, senza escludere accenti ludici, amalgamandoli ad architettura e design contemporanei in modo assolutamente originale.

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Disegni e rendering