hai scelto:homeprogettiinterior design

Concorso:

Houdini

Graduatoria:

Selezionati

Progettisti:

Alfredo Venturi

Aziende partner:

Duravit, lavandino starck X , vaso starck X, bidet starck X
Hansa Italiana, Canyon
Dark, Trapped, Cybe Table
Salis, "Antidati" - quercia antico scuro; "Intarsi" - chantilly vetro
Ceramica Fioranese, patterns stripes, patterns bubbles
Gardesa, Mod. Rimini
Videoworks, Grafiche e softwares per generazione e gestione immagini.

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Tre metri quadri sopra il cielo
Perche' no?! Da 16 a 19 mq in 1 minuto

L'idea nasce da due impulsi, che sono l'auspicato desiderio di librarsi, per un attimo, leggeri sopra le cose e il tran tran quotidiano e un bisogno di evasione dai confini che il nostro mondo ci costruisce addosso. La volonta' di interpretare un innato bisogno dell'uomo di fare un passo avanti nel mondo del possibile, ancora non possibile.

Il mio bagno e' una realta' confinata e robusta, un guscio resistente e tecnologico che grazie all'uso di resine specifiche permette di avere uno spazio allo stesso tempo confortevole e protetto. Il bagno non e' piu' solo il luogo dei bisogni corporali e dell'igiene, bensi' diventa il luogo della performance estemporanea di un'esperienza di benessere che si deve interpretare a cominciare dallo spostamento del modulo verso l'esterno.

Questa traslazione e' resa possibile da un motorino elettrico molto piccolo che agendo su due delle otto ruote del modulo che scorrono su binari, fa compiere uno spostamento di 175 cm in 1 minuto circa (velocita' media di 1.05 Km/h) e porta la parte trasparente di questo grande volume a trovarsi sospeso tra la terra e il cielo e la vasca d'acqua con la persona che ne fa uso, in una parentesi tra Dio e gli uomini.

Per limitare il peso, per le parti trasparenti si e' preferito usare il Lexan, resina plastica trasparente che ha caratteristiche di resistenza superiori al vetro; per rendere diaframmabile ed all'occorrenza opaco questo prisma, si e' interposto tra le due lastre accoppiate un film a LCD per poter attivare schermature che possono essere immagini colorate, immagini fluttuanti, campiture monocromatiche o neutre. Queste sono attivate da un computer la cui programmazione e' interattiva e gestita dall'utente.

Sull'opposta estremita', la parte interna, e' stato progettato un bagno turco il quale, quando il modulo e' chiuso, ha una larghezza minima di 60 cm ed e' usufruibile da un solo utente, mentre quando il modulo trasla arriva ad essere largo 225 cm e puo' ospitare comodamente fino a 6 persone; quindi si puo' ipotizzare anche un'esperienza collettiva.

Questa zona e' organizzata per rispondere maggiormente alla parte "viscerale" del corpo e quindi oltre al bagno turco abbiamo il vero e proprio gabinetto. Per questo si sono usati i sanitari Duravit, serie starci X; la loro forma pura e l'accostamento "schiena a schiena" con interposto elemento di raccordo per l'adduzione dell'acqua e lo scarico del vaso, ha permesso di sintetizzare una piccola panca sulla quale l'utente puo' riposare all'uscita del bagno turco; abbiamo cosi' una sorta di tepidarium.

Di fronte al vaso la lastra di vetro che lo separa dal lavandino e' anch'essa uno schermo a LCD, un vero e proprio TV pensato per l'intrattenimento di chi …espleta i propri bisogni.

Come ho gia' detto il mio bagno trasla di circa 175 cm e considerando che la larghezza ha la stessa dimensione l'aumento netto di spazio e' 3 mq, e considerando il costo odierno della metratura nelle case (specialmente delle grandi citta') si puo' ritenere che una parte del costo dell'opera sia istantaneamente recuperata e che il resto sia giustificato dall'avere in casa una vera e propria SPA.

E' un oggetto che seppur costoso e' facilmente inseribile in ogni realta' edilizia italiana e credo che sia interessante pensare di poter avere a casa propria una piccola amenita' che ci puo' accogliere quotidianamente e ci ristora. Un luogo fisico dell'intimita' che attraverso il doppio percorso interno/viscerale e esterno/ aereo puo' condurci alla nostra essenza; e anche quando non si cerchi un'esperienza cosi' intimista si puo' godere del carattere ludico di questa grande macchina o "caravan d'interni".

Inoltre, con la sua espansione, corrisponde perfettamente a quell'esigenza tutta italiana di avere un po' di piu', di sconfinare. Normativamente non dovrebbe essere un problema ottenere i permessi, visto il carattere effimero dell'opera e la sua fattibile mimesi con l'edificio che quindi non muta l'architettonico dell'edificio. Inoltre essendo il vano che ospita questo bagno completamente rivestito e sigillato con la ceramica basta prevedere sulle pareti un idoneo cappotto che contrasti le dispersioni termiche.

L'impianto di scarico e' garantito da un attacco telescopico tra il vaso e lo scarico i quali sono entrambi sifonati mentre la sovrapposizione del tubo e' tale da rendere certo lo scorrimento e la tenuta degli odori (con l'uso di guarnizioni oleose) per i temporanei residui che potrebbero non essere istantaneamente smaltiti. Comunque la pendenza minima dello scarico e' del 2%.

Infine, al di la' di tutto, cio' che si e' ipotizzato per rendere possibile questo progetto, rimane il fatto piu' importante di pensare che anche nelle nostre radicatissime e sicurissime case si possa inserire un piccolo mondo che forse e' figlio di una cultura nomade e che aspira a … volare.

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Disegni e rendering