hai scelto:homeprogettiinterior design

Concorso:

Houdini

Graduatoria:

Selezionati

Progettisti:

Ramona Vignudini, Zoboli Giorgia.

Aziende partner:

Duravit, Sundeck, Vasca da bagno;Starck X, Lavabo; 2nd floor, Wc e Bidet (sospesi)
Salis, Listelli in rovere anticato scuro spazzolato, Rivestimento vasca
Hansa, 5038 2100 cromato, Erogatore lavabo
Valpra, 28.100.10, Erogatore bidet
Aspiro, Lovely Lace 20x40 (A01AR01), Rivestimento zona lavabo
Ceramica Fioranese, CL251 White, Rivestimento zona sanitari
Laufen, Bagno Alessi, Porta carta igienica
Zeppelin, 12-25, Punto luce.

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Panta Rei
Tutto scorre

Panta rei, ovvero tutto scorre si trasforma e' in continuo divenire. L'attualita' del pensiero eracliteo e' tale da poter essere trasposta e adattata ad ogni elemento ambiente o oggetto contemporaneo. E cosi' anche il bagno, da tempo ormai non piu' un semplice luogo per la cura di se', si trasforma, non solo dal punto di vista concettuale, ma anche e soprattutto fisico.

Panta rei e' un ambiente strutturato sul principio consolidato del bagno come luogo personale flessibile e intimo, che si adatta alle esigenze mutevoli di piu' fruitori ma anche del medesimo soggetto nei diversi momenti della giornata. Panta rei introduce nell'ambiente bagno il concetto di tempo, che trasforma e modifica la conformazione spaziale del luogo stesso cosi' come gli oggetti che contiene.

E cosi', la staticita' planimetrica e' mossa resa dinamica e sempre mutevole dagli elementi di arredo che si adattano alle piu' diverse esigenze situazionali. Due pannelli curvi scorrono su guide superiori concentriche creando spazi location e ambienti in continuo divenire e contemporaneamente inducono la curiosita' di quanto celato perche' realizzati in un grigliato metallico che da' accenni sugli accadimenti retrostanti.

La dinamicita' delle conformazioni spaziali cosi' ottenibili permette di focalizzare l'uso e l'ambiente solo su una specifica funzione o su piu' funzioni contemporaneamente. 'essenza dell'ambiente e' in primis la cura di se' del proprio corpo e non da meno della propria anima, cosi' fulcro del luogo e' la grande vasca da bagno Sundeck (Duravit) che ben si adatta al concetto di trasformismo, diventando all'occorrenza un comodo lettino su cui rilassarsi o un piano di appoggio per soddisfare le piu' diverse necessita'.

La vasca, lievemente inglobata nel pavimento, regala la sensazione di coinvolgimento emotivo fisico e mentale alla dinamicita' degli spazi. La mutazione del suo rivestimento in lunghi listelli lignei fissati in alto su piccoli bracci telescopici permette di ottenere un porta asciugamano estraibile all'occorrenza. Le fa da sfondo il grande contenitore plasmato dal movimento dei pannelli scorrevoli e destrutturato per accogliere e svolgere funzioni diversificate.

Il volume curvo si scompone in corpi che accolgono ora lo spogliatoio ora spazi contenitivi ed espositivi di piccoli o grandi oggetti nonche' in elementi appendi-abiti che contribuiscono al disegno dello spazio. Una sua estremita' si estende verso la zona lavandino come portaoggetti saliscendi e portasciugamani entrambi sospesi per non interferire con l'apparato murario e fornire la propria collaborazione alla variabilita' e dinamicita' spaziale del luogo.

Nella parete adiacente le forme rigide del lavabo Starck X (Duravit) si contrappongono alla morbidezza dei volumi dominanti con i quali non mancano di colloquiare grazie alla grande parete a specchio che li abbraccia a tutta altezza e che riflette situazioni mutevoli in funzione della dinamicita' degli spazi e dell'illuminazione.

Sul lato opposto il grande contenitore curvilineo si protende nella parte bassa per diventare appoggio per la zona sanitari (della linea 2nd floor, Duravit). Anche in questo caso, la scelta di elementi dai volumi rigidi e' stata dettata dalla ricerca di contrasto con la fluidita' dei corpi dominanti, senza però tralasciare il costante dialogo ottenuto con cromatismi in armonia: i sanitari sospesi e immersi nel verde prato della parete retrostante colloquiano con il pavimento grazie alla cornice di rivestimento che prosegue verticalmente nell'angolo.

La scelta dei materiali e dei relativi cromatismi rispetta l'idea di un luogo naturale di relax ma in continuo mutamento, in cui natura e artificialita' entrano in perpetuo contrasto e confronto fino ad arrivare ad una serie quasi infinita di stati del mondo in cui talvolta prevale l'elemento naturale e talaltra quello artificiale, senza però che ci sia una reale supremazia di uno rispetto all'altro perche' comunque sono inseriti in una generale partitura musicale in cui ogni nota ha una sua precisa posizione, per quanto dinamica e mutevole possa essere.

Il risultato e' una stanza da bagno ironicamente dinamica fluida e in continuo divenire, adattabile ai mutevoli desideri dei possibili fruitori.

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Disegni e rendering