hai scelto:homeprogettiinterior design

Concorso:

Houdini

Graduatoria:

Selezionati

Progettisti:

Salvatore Picascia

Aziende partner:

FIORANESE; CORVASCE; DURAVIT; GARDESA; HANSA; STUDIO ART; VIDEOWORKS; ZEPPELIN.

Materiali:

profili di acciaio per la struttura portante, sezione a U; squadrette forate di acciaio per il fissaggio dei vari elementi; pennellature esterne in zinco titanio; pennellature interne in legno-cemento, ignifughe, come supporto per le finiture disponibili dalle varie aziende partner.

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

NOHA's ARK

L'industria automobilistica ha sviluppato da tempo, e continua a migliorare, le piu' innovative tecnologie per la sicurezza. Per le abitazioni non e' avvenuto la stessa cosa? Perche'? Eppure la storia delle automobili e' molto piu' recente di quella delle costruzioni. Stare in casa ormai non e' meno pericoloso che viaggiare in automobile: catastrofi naturali o terroristiche come alluvioni, terremoti, esplosioni, attentati biologici o nucleari, ecc, sono seri pericoli che non si possono o non si vogliono evitare.

Quei pochi che hanno il potere decisionale pare che non siano interessati a questi problemi perche' troppo impegnati a preparare guerre intorno al petrolio, pertanto tocca a noi cercare di aggirare l'ostacolo e correre ai ripari. Ma questo cosa c'entra con il tema del concorso?
Il mago Houdini e' diventato famoso per le sue "fughe impossibili": incatenato all'interno di bauli o gabbie, immerse in vasche di piene d'acqua, riusciva a scappare, mettendosi in salvo, prima di annegare o morire asfissiato. Oggi Houdini farebbe l'esatto opposto: si rinchiuderebbe all'interno di un luogo sicuro per salvarsi dall'ambiente impazzito o da uomini senza scrupoli. Ed e' proprio questa "trasformazione" che viene proposta in questo progetto.
La trasformazione del bagno in ambiente sicuro. L'ambiente bagno, piu' di qualsiasi altro ambiente della casa, si presta a diventare un luogo sicuro dove rifugiarsi per imminenti pericoli reali o, semplicemente, per fuggire dalla realta' quotidiana, anche se per pochi minuti.

Una sorta di arca personale, in cui concentrare gli accessori piu' evoluti per la sicurezza e la sopravvivenza in condizioni estreme: autosufficiente dal punto di vista energetico, con filtri per l'aria, con impianti di purificazione dell'acqua, con scorte di cibo, con apparecchi per la comunicazione e perfino con uno schermo antiradioattivo.

La stessa struttura sara' costituita da elementi resistenti agli urti e allo schiacciamento, resistente al fuoco, a tenuta stagna, galleggiante… ma chiudere a chiave la porta del bagno vuol dire anche riflettere, interrogarsi, guardare i propri occhi allo specchio per ritrovare se stessi. Il blocco sanitari e' composto da una serie di elementi accostati, modulari, che ad un primo sguardo non svelano la loro natura.

Il tentativo e' quello di conformare un ambiente capace di trasformarsi secondo le esigenze del momento: luogo per i propri bisogni fisiologici; ambiente dove rilassarsi ascoltando musica distesi nella grande vasca o durante la sauna; rifugio dalla realta' quotidiana. …si consiglia di spegnere i telefoni cellulari. Aziende scelte per lo sviluppo degli elementi sanitari e delle personalizzazioni interne: CERAMICA FIORANESE / CORVASCE / DURAVIT / GARDESA / HANSA / STUDIO ART / VIDEOWORKS / ZEPPELIN

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Disegni e rendering