hai scelto:homeprogettiristrutturazioni

Intervento:

Riqualificazione degli spazi aziendali adibiti a mensa, reception, sale riunioni e spazi limitrofi

Luogo:

Via Ragazzi del '99 5 - Bologna

Progettisti:

Andrea Rizzati

Commitente:

Ditta Alfa Wassermann SpA

Anno di redazione del progetto:

1998 - 2007

Anno di esecuzione:

1998 - 2007

Imprese esecutrici:

Sa.des snc

Fornitori:

Arredoluce srl

Caratteristiche tecniche particolari:

Gestione domotica degli impianti tecnologici, computer e illuminazione nella saletta del consiglio

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Collage
Piani sfalsati, setti curvilinei e vele sinuose riqualificano gli spazi collettivi di una azienda del settore farmaceutico

La Alfa Wassermann in mezzo secolo di storia si e' imposta nel mondo come una delle piu' rinomate case farmaceutiche. Da sempre l'azienda pone al centro della propria attivita' una "scienza dell'uomo" che si evolve coi tempi, che ha nella salute e nel benessere un obiettivo immutabile. Suona dunque, questo, come un manifesto programmatico da utilizzare nella trasformazione e nell'adeguamento dello stabilimento bolognese, sede di un importante centro di ricerca e di numerosi uffici.

Come ci ricorda Louis Kahn, "l'architettura nasce dalla costruzione di una stanza", sembra aver pensato proprio a questo, nel ridefinire alcuni degli ambienti della Alfa Wassermann, l'architetto Andrea Rizzati, avendo sapientemente operato su quello che possiamo definire l'habitat lavorativo con lo scopo specifico di incidere sulla qualita' degli spazi.

Sempre piu' spesso un'azienda, la ragion d'essere della sua identita', il suo successo si esprimono attraverso un felice rapporto tra le forme architettoniche dei suoi stabilimenti e la qualita' della vita di chi le abita, cioe' attraverso la significativita' e l'appropriatezza degli spazi rispetto agli scopi per i quali sono stati pensati. L'intervento principale riguarda essenzialmente la mensa aziendale per i dipendenti e i relativi spazi funzionali, interessando una superficie complessiva di 361 mq.

Sono stati riorganizzati gli ambienti deputati alla preparazione e allo stoccaggio delle vivande, accrescendone le caratteristiche igieniche e prestazionali; sono stati installati nuovi banconi per la distribuzione delle pietanze, allo scopo di rendere piu' funzionale e agevole il percorso del self service; sono stati infine ampliati gli spazi destinati alla sala ristorante convertendo quelli precedentemente destinati al refettorio degli ospiti.

L'intervento si caratterizza per la realizzazione di suggestive centine nel controsoffitto, col duplice scopo di migliorare il benessere acustico e consentire l'installazione delle apparecchiature necessarie al condizionamento degli ambienti. Gli arredi scelti contribuiscono a instaurare un equilibrio delle parti, compensando con il rigore l'importanza del soffitto. L'effetto spaziale così ottenuto ricorda la cambusa di una nave; il bianco delle pareti intonacate, impreziosite da alcune opere pittoriche, conferisce quiete all'ambiente.

A completamento dell'intervento e' stato riconfigurato il corridoio d'ingresso alla sala mensa. Sono stati aperti varchi nelle murature, con lo scopo di rendere piu' ampi gli spazi di transito e di sosta, installati nuovi sistemi d'illuminazione capaci di valorizzare le opere esposte alle pareti. In corrispondenza degli ingressi ai singoli ambienti sono stati realizzati dei portali di separazione, enfatizzati da setti ad andamento curvilineo capaci di accompagnare personale e visitatori, e al contempo di segnalare l'entrata alle diverse zone.

Il vecchio ingresso dell'ascensore, ribaltato ora sul lato opposto, e' stato trasformato in una quinta scultorea posta di fronte all'ingresso principale della mensa. Parallelamente il progettista si e' occupato del ridisegno della sala riunioni al primo piano, dotandola di un'avanzata strumentazione tecnologica per le conferenze, un sistema domotizzato che consente di scegliere tra cinque differenti configurazioni, ciascuna in grado di soddisfare differenti necessita': videoconferenze internazionali, videoproiezioni computerizzate, meeting ecc.

Fa da fondale alla sala un dinamico spazio espositivo, corredato di un sistema d'illuminazione a fibre ottiche posizionato sulle mensole in acciaio inox annegate nella muratura, sulle quali sono esposti i prodotti che negli anni hanno contribuito a rendere grande questa azienda.

Alessandro Beato

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

0102030405060708091011