hai scelto:homeprogettiristrutturazioni

Luogo:

Argelato (BO)

Progettisti:

Gianluca Rossi

Progetto:

Architettonico: Gianluca Rossi - GLR Architetti
Progetto del verde: Filippo Marsigli

Commitente:

Privato

Anno di redazione del progetto:

2006

Anno di esecuzione:

2006 - 2007

Imprese esecutrici:

La.da srl, Lampo Impianti, Viaggi Impianti, Blooms srl

Fornitori:

Chelli, Linea scale, TL casa, Frassinago 18, Adria System, Effetti Falegnameria, Saam srl

Foto:

Marcello Bozzarelli

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Ricercatezza formale
Volumi regolari e spazi illuminati da ampie vetrate per un casale da trasformare in abitazione contemporanea

Il progetto di recupero del casale agricolo, nella campagna di Argelato, comune della provincia di Bologna, e' stato il punto di approdo di una serie di studi e valutazioni sulla tipologia edilizia a cui l'edificio stesso e' ascrivibile. Queste costruzioni infatti sono costituite generalmente da un impianto strutturale molto semplice, sono normalmente isolate e spesso e' probabile individuare piccoli edifici di servizio nell'immediato intorno tali da formare delle piccole corti agricole.

In particolare l'edificio oggetto dell'intervento era a tipologia mista: una porzione dedicata a residenza e un'altra dedicata essenzialmente a funzioni agricole.

L'architetto Gianluca Rossi dello studio GLR Architetti, sulla base delle esigenze di una giovane committenza costituita da una coppia molto incline allo stile dell'urban fashion, ha formulato un progetto di recupero che in realta' prevedeva la quasi totale ricostruzione della porzione dedicata alla residenza, ormai in cattivissime condizioni e difficilissima da recuperare; il tutto pero' nel pieno rispetto della tipologia iniziale e del volume, sia nelle altezze che nei solai.

In effetti l'abitazione che la giovane coppia desiderava era tale da conservare solo la proprieta' di involucro abitativo dell'esistente: all'interno il tutto doveva essere estremamente luminoso, con grandi viste sulla campagna, molto confortevole e con un taglio assolutamente contemporaneo.

Per questo motivo il piano terra e' stato studiato per essere illuminato da grandi aperture sistemate sui prospetti come un unico ambiente sia per la zona soggiorno sia per le zone cucina e pranzo, filtrate da uno spazio relax con camino sospeso centrale. Delle pareti curvilinee delimitano la zona ingresso con una sorta di "abbraccio" che accoglie chi entra dirigendolo o nella zona giorno o al collegamento verticale realizzato con una scala elicoidale in acciaio e cristallo.

Al primo piano sono state invece situate quattro camere da letto, un servizio igienico e una confortevole zona relax con sauna, doccia e area benessere. Anche la mansarda, che in origine era un essiccatoio, e' stata recuperata con l'inserimento di un piccolo prive' dotato di divano e camino e uno studio desiderato dal proprietario per godere di uno spazio privato dove poter lavorare e rilassarsi senza il disturbo di tutte le eventuali attivita' domestiche del piano inferiore.

Determinante e' stata la scelta dei materiali, soprattutto per i colori: dal gre's ceramico in toni di grigio ai listoni di legno leggermente ingrigito, ai toni di colore chiaro per il resto dell'abitazione. Il tutto conferisce all'ambiente un'atmosfera piacevole e confortevole, ma allo stesso tempo mutevole. Passando al paesaggio esterno, questo e' stato riprogettato e ridefinito partendo dalle possibili visioni che di esso si hanno dalle ampie aperture della zona giorno.

E' come se l'esterno fosse una proiezione dell'interno, come se il paesaggio venisse riflesso e rispecchiato tramite le spaziose finestrature. E da queste si possono scorgere quinte vegetali composite, costituite da specie sempreverdi e a foglia caduca che si accavallano al paesaggio agricolo adiacente e costituiscono le delimitazioni di uno spazio esterno inteso come la proiezione dell'ambiente domestico interno.

Questo sdoppiamento e' facilitato dal gioco cromatico interno-esterno: dentro colori freddi, spenti come quello della pietra grigia e degli arredi violacei, fuori le tonalita' scintillanti del verde e calde delle pavimentazioni e degli arredi. Le recinzioni sono costituite da specie profumate e definiscono una percezione degli accessi più privata e accogliente per il visitatore occasionale, cosi' come l'accesso carrabile che gradatamente si allarga in prossimita' del percorso pedonale d'ingresso all'abitazione.

Elisa Caivano

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

01020304050607

Disegni e rendering