hai scelto:homeprogetticoncorsi

Intervento:

Concorso europeo di riqualificazione di via Sparano e degli spazi pubblici del quartiere murattiano a Bari

Luogo:

Via Sparano - Bari

Progettisti:

Progettisti Vari

Ente banditore:

Comune di Bari

Anno di redazione del progetto:

2006

 

Punti di vista
Progetti finalisti del concorso internazionale per via Sparano a Bari

Il concorso che dovrebbe ridisegnare la nuova funzionalita' del borgo murattiano e la rinnovata centralita' di via Sparano riqualificando un corposo nucleo vitale e centrale della citta', e' recentemente giunto a conclusione dichiarando vincitore il gruppo romano di Guendalina Salimei con il progetto "Bari Crossing".

61 i progetti presentati alla commissione della Pubblica Amministrazione allo scadere del primo termine; di cui 5 segnalati e altrettanti selezionati per accedere alla seconda e ultima fase di concorso, quella per individuare il progetto per l'assegnazione del definitivo e esecutivo. E, fra quest'ultimi, l'installazione di opere d'arte lungo tutto il percorso urbano e l'accattivante idea di trasformare la via in una galleria liberamente fruibile, vincono di misura sulle altre proposte, presentate da team baresi, aggiudicandosi il futuro volto della citta'.

Il "Concorso europeo di riqualificazione di via Sparano e degli spazi pubblici del quartiere murattiano" e' stato indetto con l'obiettivo di operare un restyling mirato a un nuovo uso degli spazi pubblici, al fine di gettare le basi per un ordinato sviluppo del cambiamento.

Nella prima fase si sono raccolte le proposte rivolte in particolare alla scacchiera del borgo, e alle problematiche del traffico veicolare, del parcheggio, della sosta, con la realizzazione di zone a traffico limitato e l'estensione delle aree pedonali; e una prima ipotesi di assetto e riqualificazione dell'asse pedonale di via Sparano.

Ai cinque selezionati la possibilita' di accedere alla seconda fase del concorso e presentare il progetto per la riqualificazione della strada pedonale del centro urbano recuperandone l'assialita' nel sistema stazione-citta' vecchia.

"Cambiamo la pelle" "Flesh and Stone", "Ville en mutation", "Reset", questi gli ormai familiari nomi dei quattro progetti finalisti, rispettivamente presentati dai capogruppo Pierpaolo Moramarco, Alberto Clementi, Mauro Sa'ito e Lorenzo Netti, insieme alla prossima realizzazione di "Bari Crossing", hanno messo a fuoco le attuali debolezze dell'area a concorso, e nelle proposte si sono confrontati con le cifre della citta': una crescita costante dei suoi poli di maggiore interesse, le vie dello shopping, l'area dei salotti e della cultura, le architetture sullo sfondo, la necessita' dell'arredo urbano, il profilo dell'illuminazione pubblica su vie e piazze, la necessita' di recuperare spazi per la socializzazione, e poi ancora la scelta dei materiali con cui ridisegnare questa parte di citta', e molto altro ancora.

Fra i cinque progetti, tutti di grande interesse, uno, dunque, e' diventato l'espressione del cambiamento in corso che la citta' affrontera' nei prossimi mesi. Progetti Bari, la rivista di architettura territoriale ha seguito lo svolgersi del concorso e presenta di seguito una galleria dedicata ai cinque progetti finalisti.

Lino E. Sinibaldi

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Disegni e rendering