hai scelto:homeprogettinuove costruzioni

Intervento:

Ristorante aziendale Indesit Company spa

Luogo:

Fabriano (AN)

Progettisti:

Lorenzo Rossi

Collaboratori:

Arch: pierfrancesco Zinelli, dipl. ing. Verena Freudhofer, arch. Tadeusz Chimiak, arch. Hannes Schild, geom. Roberto Santini

Progetto:

Progetto e direzione lavori strutturale: ing. Ugo Franca; progetto impianto termico idrico condizionamento: p.i. Massimo Corsetti, p.i. Andrea Carsetti; progetto impianto elettrico: ing. Mauro Buscarini; fisica delle costruzioni: dipl. Ing. Walter Prause

Commitente:

Indesit Company spa

Anno di redazione del progetto:

2002- 2003

Anno di esecuzione:

2003- 2005

Imprese esecutrici:

Opere edili: Torelli Dottori spa, Cupramontana; serramenti e opere in acciaio: Enzo Reschini srl, Macerata; impianto termico, idrico, condizionamento: Tecnoimpianti srl, Fabriano; impianto elettrico: Artigiana Elettrika srl; opere di falegnameria: Maurizio Luigi srl

Dati dimensionali dell'intervento:

3 piani, superficie di piano 1.600 mq

Caratteristiche tecniche particolari:

Uso di profili in alluminio rinforzati, lastre di vetro deposito magnetronico e camera ad aragon di grandi dimensioni

Direzione dei lavori:

Lorenzo Rossi

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Un prisma trasparente, di aspetto dinamico e mutevole
Geometria e alta tecnologia per il ristorante aziendale Indesit Company

L’edificio si inserisce nel lotto triangolare interpretandone la geometria. La forma è quella di un prisma appuntito, generato da una linea spezzata che definisce la pianta. Un prisma trasparente come un cristallo che sporge a sbalzo da una base ortogonale che è il piano terra. L’aggetto arriva a sei metri di lunghezza sulla punta rivolta a sud-est. Le grandi dimensioni delle lastre di vetro accentuano la trasparenza e aumentano la suggestione dello spazio a tutta altezza della parte anteriore. L’uso del vetro e della linea spezzata conferisce all’edificio un aspetto dinamico e mutevole. La complessità geometrica è controbilanciata dal minimalismo dei dettagli. L’edificio contiene il ristorante aziendale della Indesit Company spa ed è situato nel lotto adiacente alla sede dell’azienda. Una rampa pedonale di acciaio di 30 metri collega il primo piano all’area degli uffici. Le cucine sono al piano terra mentre il piano primo ospita la zona distribuzione e la sala consumazione principale. Al secondo piano, ancora una sala consumazione, il bar e tre salette riservate. I pasti serviti sono 500 in due turni. La superficie di piano totale è di 1600 metri quadrati.

La struttura principale è costituita da un telaio di travi e pilastri in calcestruzzo armato. Le facciate sono state realizzate con una struttura continua in alluminio e vetrocamere di grandi dimensioni (220 per 405 cm). Nella zona a tutta altezza sono stati usati profili in alluminio rinforzati internamente realizzati espressamente per questo cantiere. Il modulo verticale della facciata è indipendente dalla lunghezza dei lati dell’edificio, per cui in corrispondenza degli spigoli le vetrocamere sono fissate con silicone strutturale. Le grandi lastre di vetro a deposito magnetronico con camera ad argon filtrano la radiazione termica senza interferire con il passaggio della luce e garantiscono sia in inverno che in estate un adeguato isolamento termico. La facciata sud è schermata dall’interno da tende motorizzate in tessuto di fibra di vetro. La rampa pedonale è costruita con profili di acciaio UNP zincati a caldo e il parapetto è costituito da telai di rete elettrosaldata. Il pianerottolo di arrivo della rampa è coperto da una struttura di acciaio e vetro serigrafato. La scala di emergenza esterna in tubolari di acciaio zincato è a sbalzo dalla facciata ed è rivestita di pannelli di lamiera stirata. All’interno il pavimento è in grès colore antracite di formato 40x60, i pilastri in cemento armato sono lasciati a vista (con casseri senza giunture), le pareti interne e il vano ascensore sono rivestiti in pannelli di ciliegio americano. L’ascensore panoramico ha il lato vetrato verso la zona a tutta altezza. La scala di collegamento tra il primo e il secondo piano è autoportante, cioè a sbalzo dai solai, ed ha una struttura in tubolari di acciaio; i parapetti sono in profilati di acciaio e vetro stratificato. Sopra la scala è situata una struttura a parallelepipedo in acciaio e vetro che funge da lucernario e permette l’accesso alla terrazza sul tetto.

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

0102030405060708091011

Disegni e rendering