hai scelto:homeprogettiristrutturazioni

Intervento:

Ristrutturazione d'interni

Luogo:

Bari

Progettisti:

Claudia Radicchio

Commitente:

Privato

Anno di redazione del progetto:

2005

Anno di esecuzione:

2005

Imprese esecutrici:

Ditta Fano Nicola

Fornitori:

Ime SpA

Dati dimensionali dell'intervento:

130 mq

Caratteristiche tecniche particolari:

Appartamento situato al primo piano con poca luce naturale

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Diaframmi
La ristrutturazione di un appartamento poco luminoso diventa l'occasione per creare nuove fluidita' spaziali fra gli ambienti

Il progetto di Claudia Radicchio prende vita dalla ristrutturazione di un appartamento posto al primo piano di un palazzo costruito negli anni Settanta, situato in una delle principali vie del quartiere murattiano di Bari. La presenza di due ingressi indipendenti e la mancanza di luce, dovuta all'ubicazione al primo piano, sono stati gli elementi da cui e' iniziato lo studio del piano di lavoro.

Si e' optato quindi per la realizzazione di grandi ambienti, che, grazie a diversi espedienti e utilizzando con accuratezza materiali pregiati e illuminazione artificiale, risultano, alla fine dei lavori, luminosi e accoglienti. Eleganti nicchie arredano le pareti, diventando, grazie a piccoli faretti a incasso, brillanti punti luce. Grazie alla tinteggiatura delle pareti in smalto semilucido, la luce puo' irradiarsi e riflettersi, aiutata anche dalla particolare conformazione dei muri, i quali perdono la loro linearita' per diventare curve che addolciscono i lineamenti dell'appartamento.

La conformazione curvilinea degli ambienti permette cosi' un'uniforme luminosita'. Elemento ricorrente di tutto il progetto e' la pavimentazione lignea che segue tutte le stanze e tutti gli ambienti della casa. Realizzato in parquet italiano, segue la linea delle pareti, diventando protagonista di tutte le zone dell'abitazione, il suo colore, considerato troppo acceso all'inizio dei lavori, si e' poi rivelato fattore predominante, diventando veicolo di propagazione della luminosita'.

La presenza di due accessi all'appartamento ha risolto la necessita' di conciliare vita privata e impegni di lavoro della committenza. La professione di medico pediatra esigeva infatti di spazi dedicati ai suoi piccoli pazienti, adibendo a loro spazi e un bagno senza intaccare la privacy dei familiari. Il bagno per gli infanti e' stato realizzato con colori vivaci, quasi in contrapposizione al resto della casa, realizzandolo con piastrelle bordeaux per le pareti e grigie per il pavimento. Anche il bagno per gli ospiti rimane un ambiente a se' stante rispetto al resto della casa. Esso e' caratterizzato dalla presenza di piastrelle bianche e lucide per le pareti e bordeaux con inserti al quarzo per il pavimento.

La zona soggiorno e' definita attraverso una grande essenzialita', dove nulla e' lasciato al superfluo, l'ambiente e' ampio, di grande vivibilita' e luminosita'. Una parete in cartongesso crea una zona filtro in cui trova posto un elegante pianoforte, illuminato dalle nicchie con faretti incassati presenti nella stessa parete. Da questo ambiente si accede alla cucina; il passaggio tra le due zone e' evidenziato dal fatto che il parquet viene messo in secondo piano dalla presenza di elementi in pietra bianco avorio che fanno da cornice a tutta la stanza. Un lungo corridoio taglia tutta l'abitazione divenendo grazie anche al parquet, nastro trasportatore capace di creare un legame tra tutte le zone.

Da esso e' possibile raggiungere la camera padronale, ambiente caratterizzato da una parete divisoria posta di sguincio che individua il guardaroba e favorito da una illuminazione naturale che permea, attraverso una porta vetrata a tutta altezza, il bagno padronale, dove ceramiche a smalto lucido di colore albicocca e marrone diventano punti brillanti accompagnati da inserti a mosaico. Grandi spazi, assenza di spigoli vivi, uniformita' del colore del pavimento, il bianco lucido delle pareti, la presenza di elementi che si ripetono nei vari ambienti, come il termoarredo di colore grigio satinato, sono dei piccoli dettagli che permettono al progettista di riqualificare un appartamento seguendo le volonta' della committenza rendendolo luminoso e accogliente anche se l'immobile, a un primo sguardo, non sembrava permetterlo.

Fabio Piergiovanni

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

01020304

Disegni e rendering