hai scelto:homeprogettiinterior design

Intervento:

Yacht's interior design, Cerri '86 Flyngsport "Flamarosa"

Luogo:

Roma

Progettisti:

Studio FFD

Progetto:

Riccardo Marinelli, Giulio Molaioli

Collaboratori:

Francesca Cortese, Chiara Ferruccio, Oliva Pagani, Alessandro Vassilas

Commitente:

Privato

Anno di redazione del progetto:

2006

Anno di esecuzione:

2006

Imprese esecutrici:

Cerri Cantieri Navali SpA

Fornitori:

Boffi; BCM, Viabizzuno - illuminazione; Engineering Solutions srl - sistemi audio-video; Arclinea; Art Cealing Barrisol; Cementi di Luna - pavimento di bagno e cucina; Tavoli Allumino SPP srl

Caratteristiche tecniche particolari:

"Flamarosa": lunghezza mt 23,60; lunghezza scafo mt 27,60; larghezza mt 6,35; propulsione MTU 16V M91 Cv 2x2000; trasmissione Arneson Drive ASD 16; velocita' max kn 44; immersione mt 1,30; dislocamento t 54; serbatoi strutturali carburante lt 2000, acqua dolce lt 1500; serbatoi acqua nera lt 400, acqua grigia lt 400; cabine equipaggio 3; cabine ospiti 2; posti letto 6+2+4

Foto:

Leonardo Andreoni

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Yacht design
Interni innovativi per la nuova frontiera del lusso a misura d'uomo

Siamo in un nuovissimo appartamento nel centro di Manhattan: design pulito ed essenziale si fonde con dettagli di legno chiaro, forme rigorose segnano gli spazi, pochi oggetti d'arredo completano uno spazio definito e di carattere... e poi tutto comincia a muoversi. Uno sguardo fuori dalle finestre e il paesaggio scorre davanti ai nostri occhi. Siamo su uno yacht.

E non ce n'eravamo accorti. Da fuori Flamarosa e' uno dei tanti yacht che possiamo ammirare ormeggiato nelle baie piu'esclusive di tutto il mondo: linea slanciata, un bianco candido che dilata i gia' notevoli 27 metri e 60 centimetri di lunghezza, dettagli cromati e finiture di lusso. Ma non e' niente rispetto a quello che e' stato allestito all'interno.

La chiglia nasconde al suo interno un vero e proprio appartamento, completo di ogni comfort e curato nei minimi dettagli, come a dimostrare che negli spazi angusti di una nave, sebbene si tratti sempre di una imbarcazione di lusso, si puo' riuscire a ricavare non solo uno spazio vivibile per i giorni di viaggio, ma addirittura si puo' farne un ambiente elettivo, in cui tutti vorrebbero vivere per sempre.

L'intero yacht si organizza in tre settori funzionali ben distinti: nella parte alta il pozzetto, il prendisole di poppa e il salone di coperta rappresentano l'area "pubblica", destinata a ricevere e incontrare; sottocoperta ci sono gli ambienti caratterizzati da una convivialita' piu' familiare, con il salotto in legno chiaro e la cucina; infine le camere e il bagno, spazi in cui la ricerca di privacy e dell'intimita' risultano essere elementi prioritari.

Il pozzetto di poppa ci introduce in maniera estremamente coerente al salone di coperta: percorsa la classica scaletta che porta ai piani bassi, resa importante da corrimano cromati, ci troviamo in un locale caratterizzato da un bianco luminosissimo, da sempre cifra stilistica dell'arredamento navale, semplice escamotage per rendere piu' grande e accogliente uno spazio che risulta essere per antonomasia piccolo e poco illuminato.

L'ambiente si organizza per blocchi monocromatici: il lungo divano bianco corre lungo le pareti esterne interrotto da mobiletti neri, il tutto immerso nel bianco lattiginoso dello sfondo e attutito dal pavimento grigio che sembra assorbire suoni e colori. Dove gli arredi riportano ad una semplicita' monolitica data dalla linearita' dell'insieme, la tecnologia piu'avanzata sostiene e valorizza tutto il progetto.

Il sistema di illuminazione, attraverso invisibili punti luce, crea un filo luminoso che scorre attraverso tutta l'area: con l'intento di fungere da "utility light" per guidare i passi quando la luce viene a mancare, il progetto luminoso diventa parte integrante del design, andando a definire e sottolineare linee guida e direttrici dello sguardo.

Il salone sottocoperta controbilancia perfettamente quello di coperta: toni naturali, marroni morbidi e beige chiaro avvolgono l'ospite per metterlo completamente a suo agio, il legno chiaro scalda l'ambiente che insieme alla cucina costituisce lo spazio delle attivita' elettive e familiari.

Ma ogni ambiente viene riletto in chiave funzionale e riproposto nelle sue caratteristiche tecniche espresse al meglio: la cucina infatti, realizzata in solid rei con un unico piano in acciaio, ricorda piu'quelle professionali presenti nei ristoranti piu' prestigiosi che non quelle di casa, e l'illuminazione diffusa da un plafone in Barrisol retroilluminato non fa che accrescere l'impressione di essere nella cucina di un grande chef intento a realizzare deliziose creazioni per la propria famiglia.

Il passaggio all'area "notte" avviene attraverso un corridoio decorato da lunghe fresature che, come ad indicare il percorso obbligato, corrono lungo le pareti di tutta l'imbarcazione. Conciliare il concetto di comfort estremo, tecnologia degna della piu'alta cantieristica navale all'idea di una vita in continuo viaggiare, all'immagine dell'"andar di porto in porto" e' quello che sono riusciti a fare i progettisti dello studio FFD.

Serena De Angelis

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

01020304050607080910

Disegni e rendering