hai scelto:homeprogettiristrutturazioni

Intervento:

Studio notarile

Luogo:

Udine

Progettisti:

Francesco Cosatto

Collaboratori:

Arch. Edoardo Petri

Commitente:

Notaio Riccardo Petrosso - Udine

Anno di redazione del progetto:

2007

Anno di esecuzione:

2007

Costo:

€ 100.000,00

Imprese esecutrici:

Multitema s.r.l. - Remanzacco(UD)

Fornitori:

Unifor - turate(CO); Vitra; MDF Italia - Milano; Artemide; Luceplan

Dati dimensionali dell'intervento:

Mq. 250

Foto:

Studio arch. Francesco Cosatto

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Nitide formalita'
Un sottotetto di un palazzo nobiliare del 1600 diventa spazio per uno studio notarile

Nella realizzazione di questo studio notarile, l'intervento dell'architetto Francesco Cosatto e' stato per lo piu' mirato alla soddisfazione totale delle esigenze di quanti ne avrebbero usufruito. La richiesta principale era quella di aumentare gli spazi operativi e quelli destinati al rapporto con il pubblico. Il volume preso in esame per tale ampliamento e' stato il sottotetto ancora inutilizzato dello studio notarile, qui sono stati progettati gli arredi e gli impianti tecnologici per rendere questo spazio fruibile e accogliente al contempo.

In particolare si e' reso necessario realizzare una sala per riunioni-stipule di almeno 14-16 posti per rispondere al bisogno sempre crescente di ricevere riunioni numerose. Questi spazi di notevoli dimensioni, che si trovano all'ultimo piano di un importante palazzo nobiliare del 1600 presente nel centro storico di Udine, erano fortemente caratterizzati dalla copertura lignea originale e recentemente restaurata.

Il concept progettuale si e' definito sin dall'inizio intorno alla ricerca di un inserimento razionale di elementi sia di arredo, che di impianti tecnologici, dichiaratamente contemporanei in grado di svelare pienamente la loro natura oltre che la loro funzione. Sulle pareti laterali dei due locali principali sono state previste delle pannellature di rivestimento in legno laccato bianco su cui sono state in seguito fissate delle librerie pensili in alluminio naturale.

Lungo queste pannellature sono state realizzate, su disegno, delle porte scorrevoli su binario in acciaio a vista, per celare i due accessi a questa nuova zona dello studio. Per il primo locale si e' pensato di creare una tripartizione dello spazio, per delle funzioni diverse, tramite due elementi d'arredo realizzati, sempre su disegno, in legno laccato bianco. Questi due oggetti, dalla lettura fortemente tridimensionale, esprimono la loro presenza scultorea all'interno dello spazio, ma sono allo stesso tempo elemento funzionale ai tavoli e alle attivita' svolte su gli stessi.

Gli arredi di serie, tavoli e sedie, sono oggetti dal design semplice e riconoscibile, particolarita' che gli permette di entrare a far parte dello spazio con leggerezza e funzionalita' quasi scontata, come fossero sempre stati lì assieme al tutto, parte integrante ma senza protagonismi. Per i punti illuminanti si e' scelta un'illuminazione che sfrutta principalmente lampade fluorescenti a 3000 gradi K, con una componente diretta sulla superficie dei tavoli e una componente sia centrale che laterale di luce indiretta per diffondere luce nell'ambiente e verso la copertura lignea.

Alle lampade sospese, si aggiungono a completamento, alcune lampade da terra con luce alogena, questi sono oggetti scultorei scelti tra le primarie aziende italiane di illuminazione come "Artemide" e "Luceplan".

Fabio Piergiovanni

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

010203040506

Disegni e rendering