hai scelto:homeprogettiinterior design

Luogo:

San Marino

Progettisti:

Franco Scaglia

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Spazio sensazione benessere
Un grande seminterrato all'ombra del Titano diventa, inaspettatamente, luogo esclusivo per la cura del corpo e della mente

Spazi ampi dedicati alla cura del corpo, al fitness e al relax, per entrare in una dimensione altra rispetto a quella quotidiana, scandita da appuntamenti e scadenze. In uno spazio su cui, forse, all'inizio, solo pochi avrebbero scommesso.

San Marino, un grande seminterrato di una struttura artigianale-commerciale da poco realizzata nei pressi dello stadio dello Stato sammarinese; un grande progetto, fortemente voluto da una societa' del Titano; e Franco Scaglia, architetto dal pensiero libero, sguardo ammiccante e un denso curriculum di progettazione ambienti fitness che parte dal 1983, quando gli fu commissionata il concept dell'Europa Sporting Club di Brescia.

L'Energia Fitness Club ha una superificie totale di 1900 mq di cui 400 mq dedicati agli spogliatoi, una sala fitness, tre sale ballo, una piscina acqua gym, una minipiscina idromassaggio, sauna, bagno turco, termario, sala tatami, ristorante, sala giochi bambini. L'handicap della poca luce naturale e' stato superato attraverso un'accurata distribuzione degli ambienti.

La scelta primaria e' stata quella, infatti, di accedere al club dal corridoio sul retro per consentire di avere luce naturale nelle sale dedicate ai corsi ed alla danza. Quasi 100 mq riservati alla zona d'ingresso e ricevimento, col grande desk in travertino e un salotto attesa "degno della miglior ricca dimora", commenta Scaglia, che fanno ben dimenticare le zone d'ombra, sapientemente illuminate.

A fronte di questo limite, la struttura presenta un pregio non trascurabile, quello dell'altezza interna, di ben cinque metri che ha consentito la realizzazione di un soppalco su cui hanno trovato comodamente alloggio tutte le macchine per il trattamento dell'aria, le relative canalizzazioni e la distribuzione dell'impianto elettrico. Per la distribuzione degli ambienti, Scaglia, seguendo le direttrici della committenza, ha dedicato ampi spazi alle sale dei corsi di ballo.

Tre sale corsi, diverse fra loro per ampiezza e impostazione, su una superficie complessiva di 360 mq. Semplici e minimali le sale danza. Pavimentate con parquet in listoni di Larice con mirate caratteristiche tecniche di scivolosita' ed elasticita', coreografiche con colori decisi e specchi retroilluminati, invece, la sala corsi tradizionali pavimentata con parquet in legno di Wenge'.

Stessa superficie per la sala fitness, con la distribuzione regolare delle attrezzature al centro dello spazio e lungo il perimetro del grande rettangolo che si stagliano sulle vivaci pareti color arancio intervallate dai grandi specchi con cornici in legno. Un grande corridoio, spazio di raccordo fra la sala fitness e le sale corsi, come una strada maestra, lungo la linea mediana della struttura, conduce alla piscina, dedicata esclusivamente all'acqua gym e all'ambiente relax.

Si apre un mondo dedicato al benessere psicofisico, con la minipiscina per l'idromassaggio, la sauna, il bagno turco, il termario e la sala tatami per farsi massaggiare a terra. A completamento del fitness club, il ristorante e il grande salotto, "pensato, dice Scaglia, per completare il piacere di due ore dedicate e se stessi".

Sofia Parisi

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Disegni e rendering