hai scelto:homeprogettiinterior design

Intervento:

Progetto di un locale a uso bar, con intrattenimenti musicali

Luogo:

Via Cartoleria 15 - Bologna

Progettisti:

Roberta Giovanardi

Direzione dei lavori:

Roberta Giovanardi - Studio Giovanardi

Progetto:

Assistenti al progetto: Manuela Gioia, Giorgia Zoboli

Collaboratori:

Claudio Alba, DE DISENO

Commitente:

Blu snc di Vito e Antonio Meci

Opere:

Opere acustiche: Eurosilent
Progetto di illuminazione e fornitura corpi illuminanti: in collaborazione con Arredoluce

Imprese esecutrici:

Impresa edile: impresa Alfio Russo, coordinatore di cantiere Vincenzo Russo

Anno di redazione del progetto:

2007

Anno di esecuzione:

2007/2008

Fornitori:

RapidMix: pavimentazione in resina
R.G. Impianti di Raffaele Gaspari sede Ostellato (Ferrara): impianto elettrico - antifurto - impianto TV a circuito chiuso
Ciaroni infissi: infissi esterni
Aspiro: rivestimento bicottura
Mirco Vignudini, imboart: finitura pareti
Perlini mobili: arredi e macchinari bar
Tematic, Coletti Sergio SpA: sanitari e accessori bagno Chelli: parquet (azienda Salis)
Claudio Alba, DE DISENO: sedute

Foto:

Gianni Leonardi - Studio Leon

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Tieni il tempo
Luci e atmosfere cool fanno del Take Five un locale ad hoc per i cultori della musica

"Hey, Cleanhead, this is a cool tune and we're blowin' too hot. We oughta take five". Poche parole e gia' ci si sente catapultati nella calda atmosfera di un locale jazz anni '20, magari a New York o a Londra dove un anziano musicista chiede una pausa e un drink per riposarsi un po' e continuare la sua serata lunga fino all'alba. Ma stiamo parlando di un jazz club?

No, il Take Five, nel cuore di Bologna, e' molto di piu'; e' la possibilita' di trasformare camaleonticamente gli spazi, di cambiare la morfologia degli ambienti realizzando il sogno di chi crede nella buona musica, nell'internazionalita', di chi crede in un locale fuori dal tempo e senza luogo. Ed e' da qui che i sogni diventano intenti progettuali, frutto di una preziosa collaborazione tra la creativita' dello Studio Giovanardi e le idee di due fratelli appassionati da sempre della buona musica.

Il Take Five oggi rappresenta una ricchezza per Bologna un nuovo invito non solo goliardico ma anche e soprattutto culturale. E proprio assecondando quella grande cultura musicale che caratterizza il progetto che Roberta Giovanardi e il suo studio hanno elaborato spazi e volumi.

A cominciare dagli arredi; un bancone in ottone brunito proprio come nei vecchi bar di periferia nasconde un disegno contemporaneo per soddisfare ogni esigenza tecnica, le poltroncine (DE DISENO, Claudio Alba), un modello disegnato in Francia negli anni Cinquanta dal design essenziale ed elegante, gli sgabelli dell'azienda Zeus (DE DISENO, Claudio Alba) modello Golia disegnati da Maurizio Peregalli, i tavolini che con la loro struttura in ferro laccato opaco nero e piano in gres luminescente sembrano usurati dal tempo.

Insomma un locale sui generis, un po' come l'insolito tempo dispari dell'omonimo brano, così il Take Five e' esclusivo nella ricercatezza dei suoi componenti (non ultimo un antico pianoforte a coda modello Bechstein) e popolare nella sua ricerca di spazi che possano accogliere al meglio come la cucina dove il color senape delle pareti ricorda le vecchie cucine di campagna o i rivestimenti dei bagni dove stata utilizzata la bicottura tradizionale di Aspiro.

Negli ambienti principali la finitura invece e' smaltata con una percentuale media di gloss, realizzate da Mirco Vignudini per imboart, e la pavimentazione e' in resina spatolata colorata con rivestimento epossidico trasparente ad alto spessore della serie Decor di RapidMix tanto da sembrare il sottofondo di una moquette rimossa.

Gli arredi e macchinari della zona bar, completamente forniti da Perlini Mobili come i tavoli, fondono sapientemente tecnologia ed estetica; il bancone e retro banco e' realizzato in laminato rivestito internamente in acciaio inox mentre l'involucro esterno e' in vero ottone 15 decimi con un effetto anticato in bagno di acido e passivato, il piano lavoro e' in inox 10 decimi.

Il portabottiglie nella parete retrostante il banco e' realizzato in ferro tubolare, le nicchie portabottiglie ai lati del bar sono in ottone con feritoie per l'illuminazione, la quinta retrobanco e' in acciaio inox e vetro fume' temperato. L'alta tecnologia e attenzione si dispiega anche per cio' che riguarda gli impianti acustici e di illuminazione, tali impianti, infatti, contribuiscono a rendere al meglio la resa musicale.

L'impianto illuminotecnico, studiato nei minimi dettagli dallo studio Giovanardi con la collaborazione di Leonardo Buzzoni di Arredoluce, e' mirato a ottenere un effetto scenografico e funzionale al contempo seguendo quella linea di locale camaleontico tra atmosfera diurna e notturna. E allora quale musicista non vorrebbe essere accompagnato da luci teatrali, segnapasso per terra e da un'illuminazione dinamica capace di differenziare l'impatto a seconda dell'effetto scenografico che si vuole ottenere sul palco?

I led interagiscono con i microfoni e con le luci dettaglio rivolte su chi suona, la luce serale e' cangiante, mobile senza dimenticare la sua funzionalita' nelle zone lavoro. Sembra un altro locale quello che di giorno svela un'atmosfera distensiva con tonalita' cromatiche in sintonia con l'ambiente e quello che di sera da' vita a uno spettacolo mutevole e coinvolgente di luci ed effetti scenici.

Ed infine le opere acustiche progettate e realizzate da Eurosilent, attraverso misure preliminari che ne hanno consentito la scelta e il collaudo che ne ha garantito l'efficacia. L'intervento di bonifica e' stato finalizzato al controllo dei livelli sonori, affinche' la musica non diventi mai rumore ma venga riconosciuta in tutte le sue sfumature.

L'elevata prestazione acustica e' stata ottenuta con controsoffitti curvi o piani e contropareti ad alto potere fonoisolante, realizzati mediante stratigrafia molto complessa fissata ai supporti previa interposizione di speciali elementi smorzanti. Questi interventi, unitamente alla sostituzione dei serramenti del locale con elementi ad elevata prestazione acustica (Ciaroni Infissi), e al controllo della rumorosita' degli impianti contribuiscono a rispettare i parametri acustici imposti.

E' presente anche un impianto di diffusione sonora (RG impianti di Raffaele Gaspari) in sala dotato di una centralina di controllo. Non a caso il Take Five ci porta a Paul Desmond, Morello e Brubeck, perche' il ricordo di protagonisti eclettici della musica jazz riporti in vita la voglia di realizzare ancora luoghi dai mille volti e dalle mille possibilita' dove la cultura diventi arte, l'arte musica e la musica piacere del vivere.

Barbara Piccolo

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

010203040506070809101112

Disegni e rendering