hai scelto:homeprogettiallestimenti

Intervento:

Progetto di allestimento della mostra "Design d'OUTore"

Luogo:

Sun - Salone Internazionale dell'esterno

Progettisti:

Studio Cerquiglini & Rossi architecture

Progetto:

Andrea Cerquiglini, Laura Rossi
Progettazione, Arredamento, Accessori - Rimini Fiera

Commitente:

Fiere e Comunicazioni

Collaboratori:

Valeria Regazzetti

Anno di redazione del progetto:

2007

Anno di esecuzione:

2007

Costo:

27.000 Euro

Imprese esecutrici:

Applicazioni srl

Dati dimensionali dell'intervento:

1.000 mq (ossia metri 40 x 25) di superficie pavimentata con moquette, di colore nero; 20 isole rotonde, laccate colore nero lucido, 3,50 metri, 1.000 tubi in cartone, colore nero, diametro 10 cm, installati nei 48 fori di ciascuna pedana; 280 superlucciole, apparecchi di illuminazione dedicati per l'illuminazione d'accento (distribuiti in numero di 14 per ciascuna pedana-isola), completi di lampada ad alogeni b.t., a fascio stretto (8, per le lame di luce radenti sul pavimento) e largo (24, per i prodotti in esposizione)

Caratteristiche tecniche particolari:

Uso del cartone, sotto forma di tubo da imballaggio, rivestito di colore nero, e' stato utilizzato per creare barriere permeabili e colonne strutturali, legato a 3 o 4, per l'installazione degli apparecchi di illuminazione

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Design d'OUTore
20 isole per 20 aziende parlano del design all'aria aperta

La seconda edizione del Sun di Rimini (Salone internazionale per l'esterno), torna a proporre la mostra Design D'OUTore, una prestigiosa selezione di oggetti d'arredo per esterni progettati e firmati da noti designer e realizzati da aziende di fama internazionale.

Visto il successo della scorsa edizione vengono ampliate le sue dimensioni e si decide di procedere verso un obiettivo ambizioso, quello di creare un evento capace di attrarre un pubblico sempre piu' vasto, attraverso un allestimento che non sia esclusivamente un'operazione di catalogazione e presentazione di prodotti, ma piuttosto un'esperienza viva in cui l'evento diventa esso stesso parte integrante di un progetto di divulgazione, di conoscenza, di comunicazione.

La mostra rappresenta un'occasione di sperimentazione spaziale e concettuale in cui il tema dello spazio e del luogo assumono un valore nuovo, svincolati dalla condizione temporale della durata e da quella prettamente funzionale, insiti nell'architettura; l'esposizione e' il luogo dell'evento, per sua natura effimero, e' la possibilita' di un sogno che procede tra realta' e fantasia.

Il tema che viene portato in mostra e' quello del disegno, della forma e dell'immagine che vari designer hanno immaginato per tutti quegli oggetti che si trovano all'aria aperta, che dialogano in modo diretto con la natura, che superano la condizione domestica e si pongono a cavallo di una duplice dimensione sia interna che esterna, capace di interpretare i cambiamenti e le trasformazioni che il vivere contemporaneo determina.

Lo spazio dove va in scena l'allestimento e' un volume omogeneo completamente nero, una sorta di universo abitato da venti costellazioni, dei veri e propri pianeti, o se fossimo nel mare venti isole circolari delimitate da altrettanti recinti, fatti di tubi anch'essi neri, quasi dei tronchi che alludono e ricordano le forme della natura, una sorta di filtri che individuano ambienti diversi, ma che al tempo stesso lasciano intravedere.

La natura diventa quindi un duplice tema: trattato tanto dagli oggetti che vengono esposti quanto dal contenitore che li ospita, fornisce lo spunto e le radici da cui ha inizio la realizzazione dell'evento; che si snoda attraverso un percorso non vincolato, fatto di circolarita', di continuita', di attraversamenti, che ripercorrono lo spazio e ridisegnano continuamente nuovi scenari sempre mutevoli.

I frutti che madre natura ci offre, sono sempre sugli alberi, così come gli oggetti che sono messi in mostra (ancorati a circa mille tubi, quarantotto per ciascuna isola), colorati come pomi maturi, pronti a essere raccolti, essi costituiscono le uniche note di colore dell'intero allestimento, sono il cuore e l'anima di ciascuna isola, l'oggetto del desiderio di ogni naufrago che dopo tanto navigare approda lungo quelle sponde.

L'allestimento della mostra, suggestivo, lineare e impattante al tempo stesso, e' studiato per dare risalto alle linee, alle forme, ai colori e ai materiali che rendono unico ogni singolo pezzo esposto. Caratteristica degli oggetti selezionati in mostra e' la loro adattabilita' ad ambienti sia indoor che outdoor, a rispecchiare il trend attuale del settore che vede una polivalenza nell'utilizzo e nelle ambientazioni degli arredi e una contaminazione tra gli ambienti interni-esterni.

Il colore viene dai prodotti, la luce dagli apparecchi di illuminazione, essa viene utilizzata come fosse vento, una brezza di luce che spazza il pavimento con i raggi (8° di ampiezza del fascio luminoso, per la precisione), lo attraversa, lo taglia, lo segna, attira l'attenzione e non distrae, ravviva senza disturbare. La mostra rappresenta un universo fantastico, pieno di emozioni, in cui il tempo limitato dell'esperienza si dilata fino all'infinito nella memoria e nel ricordo dei visitatori.

Arianna Ciciani

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

0102030405060708