hai scelto:homeprogettidesign

Luogo:

Milano

Progettisti:

Studenti Gruppo 7

Progetto:

Massimiliano Baglieri, Cristina Nardi, Enrico Casaroli, Lukasz Bertoli, Francesco Costacurta, Daniele Caputo, Ettore Giordano

Foto:

Gianni Leonardi - Studio Leon

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Sulla soglia
I designer del Politecnico reinterpretano il concetto di porta blindata

"Gli uomini comuni guardano le cose nuove con occhio vecchio. L'uomo creativo osserva le cose vecchie con occhio nuovo". Gian Piero Bona
Non e' un mistero il nostro bisogno impellente di ripercorrere i passi gia' compiuti di quel passato che ancora fa cosi' tanto parte di noi. Quasi come in un ciclo necessario torniamo a indossare vestiti anni '50, usare elettrodomestici e macchine d'epoca per ripescare tinte, forme e colori che tornano a fare tendenza.

Il design di Asola e Theta stigmatizza queste esigenze, rivitalizzandole e rivivendole in chiave moderna e intellettualmente ponderata. Gli studenti del Politecnico di Milano, chiamati a progettare due porte blindate per Gardesa, si sono creati un bagaglio di informazioni e, consapevoli delle esigenze tecnologiche di una porta blindata, hanno saputo affrontare il piacere del passato lontani da ogni sentimento nostalgico ma con il senso critico di chi rielabora personalmente cio' che e' diventato ormai un trend reiterato.

Ne nascono i progetti di Asola e Theta. Da un lato il sapore leggero e spensierato degli anni '50, dall'altro la sobria rigidita' di quel Medioevo considerato da sempre il periodo buio. E se Asola concilia colori accesi e forme morbide senza spigoli, accolta nelle mura di casa quasi naturalmente, Theta rievoca i castelli medioevali nella loro vocazione a essere veri e propri fortini. Asola si declina in molteplici superfici lucide, la sua maniglia si integra perfettamente in essa quasi nascondendosi per offrire un battente totalmente liscio, pulito e coloratissimo.

Quella stessa maniglia invece viene esaltata in Theta dove, se all'esterno richiama una cassaforte, all'interno diventa simbolo di inespugnabili portoni medioevali grazie a una spranga mobile. Uno speciale meccanismo di chiusura addizionale, dove attivando la maniglia in alluminio, si ruota la barra in senso circolare generando un impatto di grande senso estetico. La spranga e la chiusura circolare ci riportano alle porte di misteriosi caveau cosi' come in Asola forme e colori ci catapultano nella Hollywood anni '50.

L'intento degli studenti del Politecnico e' quello di superare il tempo, annullarne i limiti per riscoprirlo con i caratteri della nostra societa' industrializzata. Allora non esiste piu' design senza tecnologia ne' il contrario perche' le due ricchezze danno vita a oggetti preziosi in grado di migliorare il tenore delle nostre vite.

E chi avrebbe mai pensato che dei portoni blindati potessero proporre un cosi' vasto universo di studio, ricerca e curiosita'? Grazie ad Asola e Theta, Gardesa promette ai suoi clienti molto di piu' della sicurezza nelle proprie abitazioni: promette un viaggio nel tempo, un valore estetico, un piacevole e ricercato flash back.

Barbara Piccolo

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

0102030405

Disegni e rendering