hai scelto:homeprogettiristrutturazioni

Luogo:

San Marino

Progettisti:

Giancarlo De Carlo

Foto:

Andrea Martiradonna

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Recupero e valorizzazione a San Marino
Riportata agli antichi splendori, Villa Manzoni

La dialettica tra tradizione e innovazione costituisce il leitmotiv dell'operazione di restauro di Villa Manzoni, un complesso residenziale ubicato nella zona di Dogana nel territorio della Repubblica di San Marino degli inizi del Novecento, curata dall'architetto Giancarlo De Carlo che lo ha adattato alla nuova destinazione di sede di un istituto di credito sammarinese. Il percorso seguito da De Carlo ha inteso rivalutare la storia e l'arte del passato attraverso l'artigianato e la riscoperta delle origini culturali e ambientali.

I progettisti di Villa Manzoni hanno quindi lavorato non solo per la riscoperta del bene architettonico ma anche per la rivalutazione del luogo. Il complesso edilizio si trovava in pessime condizioni e rischiava di morire, procurando un grave danno al paesaggio urbano di Dogana. Il principale tema di riqualificazione e' stato il rapporto tra vecchie e nuove strutture. Nelle scuderie della Villa e' stata inserita una struttura metallica per rinforzare l'edificio e per sfruttare al massimo le caratteristiche di leggerezza tipiche di questo materiale.

Sono state aperte nuove bucature nelle murature esterne in mattoni; e' stato demolito il tetto per inserire un grande lucernaio in grado di illuminare tutto l'interno. Protagonista di questo spazio e' la luce, omogenea e morbida, gradevole per chi ci deve lavorare. Una delle maggiori preoccupazioni di De Carlo era quella di conciliare le strutture pesanti, indispensabili per la sicurezza di una banca, con quelle leggere, necessarie per creare un luogo aperto e arioso, confortevole per i dipendenti e i clienti.

Per le nuove murature i progettisti hanno scelto di utilizzare la stessa malta dell'edificio originale (fatta di calce e coccio) in modo da restituire la stessa tonalita' cromatica. Recuperare i vecchi mattoni aveva inoltre un significato simbolico poiche' i conti Manzoni erano proprietari di una fornace. I pavimenti interni sono di marmo bianco e legno; le pareti sono intonacate e tinteggiate.

Ali Parquets ha curato la posa del pavimento in legno, circa 500 metri quadrati, in essenza Doussie' Africa (quadrotte 60x60 cm, formato listone 14 mm, maschiato), scelta per il colore e per le sue caratteristiche di stabilita' (si tratta di un pavimento sopraelevato). Sempre in Doussie' sono presenti 480 metri lineari di battiscopa, la scala interna, i davanzali interni e i rivestimenti delle colonne perimetrali del primo livello della banca, oltre alle soglie e i corrimano.

Ali inoltre ha fornito il materiale per il controsoffitto: circa 320 metri quadrati di pannelli impiallacciati in Acero americano, dal colore chiaro e dalle venature delicate. Per l'esterno l'azienda sammarinese ha fornito cubetti in porfido (formato 6/8 e 4/6) e i cubetti di marmo bianco per le delimitazioni dei parcheggi.

De Carlo, insieme ai suoi collaboratori, tra cui l'architetto Antonio Troisi, e' riuscito così a trasformare un impianto robusto e vecchio in una figura architettonica leggera e moderna, senza stravolgere il codice genetico del complesso edilizio. L'opera risulta elegante, confortevole e luminosa anche grazie ai materiali usati con il giusto dosaggio di antico e moderno.

Roger Blanc

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Disegni e rendering