hai scelto:homeprogettidesign

Intervento:

Realizzazione di un edificio a destinazione uffici

Luogo:

Teverola (CE)

Progettisti:

Francesco Giametta

Collaboratori:

Michele Canciello

Commitente:

SocietÓ Marican SpA

Anno di redazione del progetto:

2007

Anno di esecuzione:

2007

Costo:

euro 1.500.000,00

Imprese esecutrici:


SocietÓ Primula Costruzioni srl
Imprese fornitrici: SocietÓ Toscana Alluminio; Fantoni

Dati dimensionali dell'intervento:

circa mq 1.000 su tre livelli

Caratteristiche tecniche particolari:

Edificio architettonicamente moderno, esterno con facciate continue strutturali, divisori interni in pareti mobili Fantoni

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Ispirazioni vitruviane
Funzionalita', solidita' ed estetica di un edificio aziendale

Interni funzionali dal segno easy, con pareti mobili per la versatilita' degli ambienti, e arredi di design con accenti di colore mai casuali, sono il segno di una filosofia di lavoro snella e dinamica. Utilitas, firmitas e venustas: sono i tre requisiti essenziali d'ogni edificio, gia' individuati da Marco Vitruvio Pollione nel suo trattato De Architectura. Funzionalita', solidita' nei materiali e bellezza estetica rappresentano, oggi come allora, le basi su cui sviluppare il progetto di un edificio, di un ambiente, tanto piu' se si tratta di uno spazio aziendale. Nella contemporaneita' l'ufficio diventa parte integrante dell'essere stesso dell'impresa, luogo in cui i valori dell'azienda prendono forma e concretezza.

Questo vale tanto per i dipendenti quanto per i clienti che subito, varcando l'ingresso della sede, possono respirare lo spirito e i valori aziendali. Ben consapevoli di questo erano i titolari della Marican SpA Carlo Nando e Michele Canciello quando, per la nuova sede, hanno chiesto all'architetto Giametta di progettare un ambiente che rispettasse la loro personalita' innovativa e creativa.

Nasce cosi'un edificio in cui prismi triangolari intersecano una base trapezoidale, dove linee curve si alternano a quelle spezzate: la forma del corpo di fabbrica si compone di semplici geometrie, tanto pulite quanto eleganti, che restituiscono, nella loro essenzialita', l'idea di una scultura. Come un bambino che gioca a incastrare le forme, l'architetto Giametta compone tutta la struttura a partire da moduli uguali di 1,80x1,20 metri.

L'edificio si sviluppa sulla sagoma a forma trapezoidale del lotto, ripresa dalla pianta del piano terra; dal primo piano, su entrambi i lati lunghi dell'edificio, si elevano a tutt'altezza due prismi a base triangolare contrapposti alla pensilina circolare, ubicata all'ingresso. Dal gioco delle forme si creano forti e suggestivi chiaroscuri capaci di attirare gli sguardi verso l'edificio, dirigendo l'attenzione sui corpi a sbalzo; questi, coperti da facciate strutturali di vetro antelio azzurro, precludono la vista cosi'che, se si vuole continuare nell'esplorazione dello spazio, occorre entrare nello stabile.

Come materiale costruttivo delle facciate ventilate e' stato scelto l'alluminio che, utilizzato come materiale a vista, non coperto da vernici ma solo anodizzato naturale, condensa in se' funzionalita' e dimensione estetica. Tutto il rivestimento si presenta come una pelle unica e si trasforma a secondo della luce e del tempo grazie alla collaborazione di Luigi Fenzi, uno dei maestri e padri della facciata continua. All'ingresso la reception circolare completa quell'azione di attrazione verso l'interno che la struttura esterna ha iniziato; al piano terra e' ubicata anche l'area di attesa, una sala conferenze e un locale per il server con servizi e ambienti lavoro.

La funzionalita' degli spazi interni e' garantita dall'uso delle pareti mobili della Fantoni che permettono di ottimizzare la divisione degli ambienti. Il primo piano, destinato alla zona operativa, e' suddiviso in cinque uffici ripartiti fra loro da mobili di diverso colore che fungono altresi'da pareti divisorie: la praticita' dei complementi d'arredo si combina con la giocosita' dei colori per un ambiente all'insegna della creativita' dove anche l'illuminazione (curata da Artemide) crea giochi di luce capaci di sottolineare le divisioni tra i vari spazi.

Al secondo piano, infine, e' ubicata la zona direzionale: quattro uffici e una sala riunioni dal tono formale, in cui anche gli arredi, mobili Ceccotti e poltrone Frau, sono atti a valorizzare l'importanza di quegli ambienti in cui si delineano i valori e la mission dell'azienda, si scelgono le strategie operative, si traccia il cammino futuro della Marican SpA.

Valentina Alessandrini

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

01020304050607

Disegni e rendering