hai scelto:homeprogetti

Costo:

Foto:

Progetto:

Direzione dei lavori:

Progettisti:

Braccaloni Piero

Intervento:

Business Park

Luogo:

Quartiere San Donato - Bologna

Progettisti:

Societa' di progettazioni Architetto Braccaloni srl

Collaboratori:

Societa' di progettazioni Architetto Braccaloni srl

Commitente:

Citta' Scambi srl (Seci Real Estate SpA; Galotti SpA)

Anno di redazione del progetto:

2005

Anno di esecuzione:

in corso

Imprese esecutrici:

Unieco soc. coop (con G. Folloni, R. Rozzi, G. D'Ammone); Sapaba SpA
Imprese fornitrici: Edil Contract (cartongessi);
Busi Impianti (elettrico, idraulico e speciali);
Crespi SpA (pavimenti sopraelevati);
Linea srl (pavimenti); Sebino Chiusure (porte REI);
Patt SpA Gruppo Fantoni (controsoffitti Topakustik
con Fer Trading srl - Chiara Pasti);
Al System srl (infissi esterni); CMR (prefabbricati);
Musi Marco snc (lattoneris); Ocam (strutture metalliche); Ditta Merlo (frangisole)

Dati dimensionali dell'intervento:

superficie territoriale mq 80.000,
potenzialita' mq 40.000

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Business Park
Un nuovo modo di concepire i luoghi del lavoro


E' un parco direzionale, il Business Park. E del parco mantiene la grande quantita' di verde pubblico, inserendo tuttavia una serie di edifici, tutti piu' o meno uguali e pensati per essere utilizzati come uffici. Ognuno dei dieci edifici prevede un numero variabile di piani - da 2 a 5 -, fuori terra, per un totale di circa 40.000 metri quadrati di superficie. Circa 35.000, invece, i metri quadrati destinati al verde e che comprendono un laghetto artificiale (di circa 3.000 metri quadrati) che si snoda al centro dell'area.

Oltre a tutto questo, ci sono 3 kilometri di percorsi pedonali e ciclabili e un percorso fitness attrezzato. Il Business Park non e' solo un progetto futuro, ma un intervento gia' in fase di realizzazione nel quartiere San Donato, nel comune di Bologna. E' promosso e sviluppato in joint-venture da Citta' Scambi ed e' studiato e realizzato dall'architetto Piero Braccaloni. Alla base del progetto - che nasce dall'esigenza di creare un ambiente di lavoro fresco, comodo e piacevole -, c'e' la capacita' degli edifici e degli stessi spazi di lavoro di armonizzarsi con la vasta area verde, tanto da creare un luogo ideale nel quale possano integrarsi tecnologia e ambiente. Un intento che si ritrova anche nella struttura dei singoli edifici. Ampie superfici vetrate, infatti, permettono alle finestre di lasciar comunicare l'interno - e chi ci lavora - con l'esterno e di godersi il lago e gli ampi spazi verdi. Oltre al vetro, il materiale che domina le strutture e' l'alluminio.

Materiali particolarmente curati e, alla fine, selezionati perche' semplici, ma caratterizzati da una spiccata tendenza all'high-tech. Con il bianco a fare da colore prevalente. Un colore che contrasta, ma che bene si inserisce, nelle tonalita' del parco. E che, insieme, contribuiscono a trasmettere quella sensazione di freschezza. Di un clima e un ambiente che, certo, rappresentano un'evoluzione del concetto di luogo di lavoro. Questa soluzione progettuale, infatti, e' improntata, contemporaneamente, sia all'aumento dell'efficienza dei lavoratori che all'aumento della loro qualita' della vita. Due elementi strettamente correlati e in grado di disegnare un moderno concetto di ambiente di lavoro.

Del tutto simili anche all'interno, gli edifici sono caratterizzati da un'organizzazione degli spazi che comprende quello che viene definito "corpo quintuplo" - che permette un'elevata duttilita' nelle aggregazioni e la possibilita' di realizzare open space. Tutti gli edifici sono, inoltre, dotati di parcheggi pertinenziali interrati - per un totale di circa 400 posti auto - e, all'interno del parco, in prossimita' degli edifici, sono previste numerose aree a parcheggio pubblico - per un totale di altri 500 posti auto. Ma i vantaggi interni all'area non sono solo questi. All'interno del parco sono, infatti, previsti una serie di altri servizi volti a facilitare ulteriormente la vita di chi, nella struttura, dovra' andare a lavorare - per ora, sono previsti all'incirca 2.500 addetti. Come, per esempio, quelli legati alla ristorazione e al piccolo commercio.

Ma da non trascurare e' anche la vicinanza al parco commerciale "Meraville", che garantisce un'ulteriore serie di servizi, con anche la possibilita' di un comodo shopping. Il Business Park vanta pure un ottimo collegamento con il sistema fulcro della viabilita' cittadina, in particolar modo con la stazione ferroviaria e con l'aeroporto. Ma e', inoltre, non troppo lontana dai raccordi con l'asse della Tangenziale e gli accessi alla rete autostradale nazionale. Un progetto, insomma, fortemente innovativo e all'avanguardia. Non solo rispetto alla florida realta' urbanistica della citta' di Bologna, ma anche considerato all'interno dell'intero panorama nazionale.

Elisa Venturi

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

01

Disegni e rendering