hai scelto:homeprogetti

Intervento:

Ristrutturazione e ampliamento di un fabbricato per la realizzazione di uno studio di architettura

Luogo:

Bologna

Progettisti:

Anna Maria Manferdini

Collaboratori:

Lorenzo Bonavita; Strutture Gabriele Vivarelli;

Commitente:

Privato

Progetto:

Impianti Studio Berni Associato;
Design del verde Giovanni Concari;
Pratiche catastali Studio Paladino

Anno di redazione del progetto:

2006 - 2007

Anno di esecuzione:

2006

Imprese esecutrici:

Opere edili Maurizio Saverino srl; Impianti termoidraulici Aerre di Andrea Rizzoli;
Impianti elettrici Massimo Saverino,
Strutture legno Vibrobloc SpA
Imprese fornitrici: Sanitari Tematic;
Serramenti TipTop Fenster; Opere da fabbro Emmebi snc; Opere da falegname Lignarius

Caratteristiche tecniche particolari:

Ampliamento realizzato completamente in legno,
utilizzo di tecniche a secco anche sulla porzione esistente, edificio a basso consumo energetico, materiali naturali
Dati dimensionali: Superficie utile mq 46,
superficie aerea esterna mq 95

Foto:

Giovanni Ghiandoni

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Spazio alle idee
Un ampliamento in legno riqualifica il volume di una vecchia falegnameria


Un nuovo studio che sia fucina di idee e al tempo stesso la sintesi di una fresca innovazione progettuale. Con questa premessa i due giovani progettisti dello studio Bonavita hanno trovato, in una vecchia e degradata falegnameria in disuso nei pressi della bolognina, Bologna, lo spazio piu' attraente per esprimere le loro soluzioni architettoniche, avvalorate da tecniche costruttive non convenzionali. Due fasi hanno caratterizzato la nascita della nuova sede: la ristrutturazione della falegnameria e l'ampliamento della stessa che ne ha mutato definitivamente l'aspetto.

Il luogo di lavoro diventa cosi' anche dimensione della creativita': l'intera opera e' un'occasione unica per imprimervi diverse idee ricercando materiale da costruzione non comune ma ben adattabile all'edilizia. All'edificio ristrutturato e' stato addossato un volume completamente nuovo, a forma di parallelepipedo, che ha esteso gli interni. Le pareti esterne della porzione esistente sono intonacate con il tipico colore rosso "bologna", a ribadire la reintegrazione dell'edificio al quartiere circostante, mentre la parte nuova dell'ampliamento e' costruita con materiale inedito: il telaio portante e' di legno, il muro e' composto da elementi di lana minerale e la sua facciata, in netta distinzione dal restante edificio, e' rifinita con listelli di legno in essenza di larice.

La tecnica costruttiva a secco permette una continuita' con la struttura antica regalando al suo interno l'identico ambiente confortevole e luminoso. Si ottiene una sala di lavoro piu' ampia: posta al piano superiore, e' rifinita totalmente in legno naturale di larice e betulla, mentre la copertura e' in legno di abete sbiancato. La sezione nuova e' illuminata da un'apertura in alto, una lama di vetro che permette alla luce naturale di invadere l'intero ambiente. La novita' strutturale comunica il miglior comfort proprio per la sua inedita apertura alla luce, che integrandosi all'edificio preesistente ne riqualifica appieno lo spazio.

Il legno e' l'elemento evidente di continuita' fra innovazione e riprogettazione, espresso pure nel particolare della scala interna, in larice naturale, composta curiosamente da pedate di forma triangolare. Il piano inferiore, piu' piccolo e intimo, nasconde un bagno e una sala riunioni. Il pavimento e il soffitto rivestiti di legno, l'illuminazione essenziale e uno scorcio del cortile dalle piccole finestre lo rendono uno spazio privato, quasi isolato dall'autentica zona di studio. L'innovazione e' accentuata anche dall'utilizzo di materiali comuni in diversi approcci funzionali: e' l'esempio del cortiletto interno, a quota ribassata rispetto al giardino circostante.

La pedata in ghiaia dell'area prosegue nella breve scala composta da piccole vasche in lamiera zincata. L'attenzione per il dettaglio aiuta a delineare una rielaborazione degli spazi anche nelle zone di disimpegno. Uno studio progettato per essere diretta conseguenza di ricerche progettuali, aperto al visitatore che, una volta accolto, può notarvi anzitutto un luogo di pensiero stimolante e giovane. Un luogo delle idee e della fantasia saldamente piantato nella realta'.


Pietro Fratta

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

010203040506070809

Disegni e rendering