hai scelto:homeprogetti

Intervento:

Progetto di ristrutturazione e restauro del Museo Geologico Nazionale

Luogo:

Roma - Largo Santa Susanna

Progettisti:

Tommaso Valle

Consulenti:

Strutture e impianti:
Mario SalabŔ

Commitente:

Servizi tecnici SpA (Fintecna Gruppo IRI)

Categoria di lavoro:

progettazione edilizia pubblica

Tipo di prestazione:

Progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva

Progetto preliminare:

1997

Progetto definitivo ed esecutivo:

1998

Costo:

17.852.925,90 Euro

Dati dimensionali dell'intervento:

40.000 mc circa

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Restauro trasparente
Nuova funzionalita' e spazialita' dilatata nel progetto per il nuovo Museo Geologico Nazionale

Lo Studio Valle Progettazioni, ha ricevuto l'incarico nel 1997 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri di redigere un progetto per la ristrutturazione dell'edificio sede del Servizio Geologico Nazionale in largo Santa Susanna, un edificio storico tutelato. La sua costruzione risale agli anni che vanno dal 1879 al 1885 su progetto dell'ingegnere Canevari. Per la sua realizzazione vennero riadattate le strutture del monastero dei Carmelitani di Santa Maria della Vittoria, edificate a partire dal 1608. Il risultato che ne scaturi' fu un pregevole esempio di connubio fra antico e nuovo, di esigenze moderne nel rispetto della tradizione, di sapiente accostamento tra ferro (e' uno dei pochi esempi a Roma di applicazione di questo materiale) e muratura.

Purtroppo successive esigenze di spazio, hanno causato l'aggiunta disordinata di corpi di fabbrica realizzati senza un preciso progetto. All'esterno sono ben visibili le aggiunte e le sopraelevazioni mentre all'interno l'edificio appare del tutto irriconoscibile. La difficolta' nell'affrontare un progetto di ristrutturazione e restauro sta nel trovare il giusto equilibrio tra le parti (antica e moderna), nell'accostare le parti nuove a quelle esistenti in modo esplicito, pur nel rispetto della preesistenza, tentando con il confronto diretto e non con la mimetizzazione dell'intervento, di valorizzare il progetto di ristrutturazione. La scelta dei materiali percio' diventa in questo caso assolutamente fondamentale: si tratta di usare nelle parti da restaurare materiali il piu' possibile in accordo con le caratteristiche architettoniche del progetto esistente e nei corpi di fabbrica aggiunti materiali legati alle piu' moderne tecnologie costruttive.

Il progetto prevede due interventi: uno sull'edificio storico che ospitera' il Servizio Geologico Nazionale e l'altro sul retro dell'impianto stesso, in una corte interna, su un corpo di fabbrica di nuova concezione atto ad eliminare e sostituire tutta una serie di superfetazioni realizzate nel tempo in aderenza alla facciata dell'edificio esistente e che attendera' a sede del Servizio Chimico delle Miniere. Sul primo, piu' rilevante e delicato dei due interventi, e' previsto lo sbancamento sotto la quota d'imposta dell'edificio per ricavare uno spazio da adibire a parcheggio e a locali tecnici, mentre un piu' consistente sbancamento dell'attuale terrapieno situato nella parte centrale dell'edificio dara' la possibilita' di riorganizzare ed ampliare il piano terra per ricavare un ampio spazio da destinare a sala convegni ed esposizioni, aree divise tra loro da una parete in legno e cristallo. L'impianto strutturale e' caratterizzato da un sistema di grandi travi reticolari che incrociandosi, costituiscono il sostegno al solaio e ai pilastri del primo piano.

Il nuovo piazzale d'ingresso dell'edificio storico e' articolato in modo da far conquistare al visitatore in maniera graduale la quota d'ingresso. L'atrio, accostato alla parete esterna di quello attuale, si presenta come un volume interamente vetrato sorretto da una struttura interna, composta da pilastrini metallici e da tubolari controventati da cavi in acciaio. Con lo stesso approccio compositivo sono stati individuati i volumi vetrati delle bussole d'ingresso e della segreteria situata all'interno della grande sala esposizione al piano terra caratterizzata da volte a vela. La pavimentazione, come in tutti gli spazi di rappresentanza, e' interamente in marmo con disegno che mette in evidenza la maglia quadrata della struttura pilastrata. Poiche' in gran parte del fabbricato sono presenti soffitti a "cassettoni" con travi metalliche, piu' o meno decorati, e' stata operata la scelta di lasciarli completamente in vista

. Il primo e secondo piano sono dedicati interamente a zone espositive e ad uffici. Seguendo l'intendimento di riportare alla luce la configurazione spaziale originaria, e' stata liberata la grande zona espositiva centrale dell'edificio da tutte le tramezzature aggiunte nel tempo. Vengono ripristinati i ballatoi originari nella medesima posizione e dimensione. Nelle altre due sale espositive minori, caratterizzate da colonnine in ghisa e cassettoni di particolare pregio, verranno eseguiti solo lavori di restauro. Il terzo piano e' caratterizzato da tre spazi principali: sala periodici, sala cartografia e le tre sale delle riviste straniere (Biblioteca Storica). Se per queste ultime ci si e' limitati al restauro conservativo, per la sala Periodici si e' reso invece necessario un intervento piu' radicale. Infatti dopo la demolizione di tutte le superfetazioni murarie ripristinando l'aspetto originario comprese le lesene e i capitelli, si e' ricavato un grosso spazio di forma regolare, per il quale e' prevista una nuova copertura vetrata sorretta da 4 pilastri su cui poggiano altrettante piramidi rovesciate a tralicci tubolari metallici.

L'uso del vetro serigrafato, previsto da progetto, consente l'utilizzo della luce naturale adatta alla lettura. Al quarto piano, trovano collocamento gli ambienti dedicati ad accogliere materiale bibliografico e la biblioteca-fototeca. Il quinto piano, infine, consta di tre nuclei completamente indipendenti e collocati a differenti quote altimetriche l'una dall'altra: gli uffici di rappresentanza, la sala monografie e la sala del Fondo Antico. Ognuna delle tre distinte parti e' dotata di un proprio corpo scala e una propria indipendenza, funzionale quanto volumetrica. Il corpo di fabbrica degli uffici di rappresentanza, e' situato nella zona Nord in aderenza al corpo scala principale. Per gli altri due volumi, di nuova costruzione situati ai due lati della corte interna, e' prevista una struttura metallica per pilastri e travi, mentre la facciata sara' realizzata parte in muratura e parte in pannelli con finitura in lastre di travertino posate a secco. La copertura a due falde di questi corpi di fabbrica sara' in acciaio e vetro.

Stefano Faedi

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

01020304

Disegni e rendering