hai scelto:homeprogetti

Intervento:

Restyling ristorante “Lido Lido”

Luogo:

Cesenatico (FC)

Progettisti:

Gruppo Lithos Architettura

Imprese esecutrici:

In Economia

Foto:

Gian Paolo Senni

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Wine Gallery
Vini come quadri in esposizione in un’insolita galleria di un ristorante a Cesenatico


Il progetto realizzato per il ristorante “Lido Lido” a Cesenatico, in viale Ferrara 12, ha contribuito a un vero e proprio cambiamento d’immagine del luogo tanto da renderlo accogliente e intimo al contempo. Lo chef Vincenzo Cammerucci aveva l’esigenza di riporre i suoi vini pregiati in luoghi adatti, da qui la creazione di una “grande galleria” in vetro dedicata ai vini bianchi che invita il cliente a “passeggiare attraverso” per poter scegliere, assaporare e assaggiare. I vini rossi invece sono stati racchiusi in un’elegante vetrina in grado di creare una quinta scenica dal forte impatto emozionale.

In entrambi gli ambienti sono state realizzate delle scaffalature componibili che, variando la posizione dei piani, creano soluzioni sempre diverse per accogliere le varie dimensioni delle bottiglie presenti. Di fronte alla “galleria” è stata realizzata una piccola zona living con divanetti e poltroncine sui quali si può sostare per fare due chiacchiere in intimità e rilassarsi leggendo. Luce tenue proveniente da una piantana e tende in seta ammorbidiscono gli angoli. Adiacenti alla vetrina dei vini rossi, in cui è stato introdotto il prolungamento di una parete, così come all’ingresso del ristorante, dove è stata realizzata una struttura lignea effetto brise soleil che nasconde la bocchetta di ripresa dell’aria canalizzata, sono stati inseriti dei modernissimi “erogatori” di vino bianco e rosso. Sedie avvolgenti, dotate di braccioli, in legno e pelle bianca donano una nuova luce all’ambiente e una comodità tale da evocare per il cliente il sapore e l’agio di casa propria. La cassa, tutta realizzata in larice decapato con un effetto dogato, appoggia su una pedana dello stesso materiale definita da due diversi tipi d’illuminazione.

La parete retrostante la cassa è tinteggiata a righe orizzontali nelle cromie del sabbia e tortora e dà vita a un motivo di unione tra le due sale del locale divise da una vetrata; lo stesso motivo estetico viene ripreso nella parete sulla quale si affacciano i servizi igienici completamente rivisitati in chiave minimalista: un mosaico vitreo effetto bagnato, con mille cromie che cambiano a seconda del riflesso della luce. Sono stati scelti due colori diversi: un sabbia-avorio per le donne e un grigio-tortora per gli uomini. Essendo per antonomasia le donne più vanitose, è stato creato uno specchio a tutta altezza fino al soffitto composto da uno centrale e otto laterali che creano uno scenografico effetto cornice. Tutti gli elementi sono stati molati e gli spigoli sfaccettati a diamante. Per gli uomini una semplice lastra di specchio che abbraccia tutta la parete creando un effetto “feritoia” nel muro. Esternamente ai due antibagni degli uomini e delle donne sono state realizzate due porte scorrevoli in vetro satinato.

Tra queste è stata alloggiata una vecchia vetrinetta siciliana di fine ottocento al cui interno sono stati posti pezzi d’argenteria, libri e bottiglie di vino. Al suo fianco una poltroncina in stile caratterizza l’ambiente. Nella zona esterna lato piscina è stato realizzato un gioco tra luci e verde: sono stati collocati a ugual distanza, grandi vasi trapezoidali di ceramica craclè color cioccolata ricchi di essenze mediterranee quali il rosmarino, lavanda e salvia intercalati da corpi illuminanti di forma prismoidale che creano aloni di luce tra i vasi stessi.

Sedie e tavoli del medesimo color cioccolato, arricchiti da biancheria di lino, completano la scenografia insieme alle grandi “vele” in materiale tecnico da barca che coronano e definiscono la coinvolgente atmosfera del luogo. Sul fronte strada, sono poi state realizzate due nuove insegne in acciaio e plexyglass inserite all’interno delle due aiuole fioriere che costeggiano il corpo centrale vetrato. Quella posta a fianco dell’ingresso principale è stata inoltre dotata di un sistema ad acqua effetto cascata che “lava” il pannello creando, insieme ai faretti subacquei, suggestioni mutevoli.

Testo di Albertina Ballarini



Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

0102030405060708

Disegni e rendering