hai scelto:homeprogetti

Intervento:

Università Politecnica delle Marche Facoltà di Ingegneria

Anno di esecuzione:

2006 – 2007

Progettisti:

Alberto Romani

Relatore:

Prof. Mario De Grassi

 

Un nuovo Centro Congressi per le Marche
Funzionalità e dialogo con la morfologia del contesto


L’area del molo sud del porto di Ancona è stata oggetto nel 2005 di un’idea di riqualificazione urbana proposta in seno al seminario itinerante ‘Villard’. Attualmente nel territorio marchigiano grava pesantemente l’assenza di un edificio congressuale pienamente funzionante. Considerata quindi la necessità di poter usufruire della presenza concreta di un’importante struttura volta all’approfondimento di eventi e dibattiti culturali, scientifici, e non solo, la proposta è stata quella di realizzare il progetto architettonico del Centro Congressi per la regione Marche. Un edificio che nel rispetto di un adeguato inserimento all’interno dell’idea progettuale moderna, presentata per ‘Villard’, potesse essere in grado, al tempo stesso, di dialogare con tutto il contesto storico che caratterizza il waterfront della città dorica. Prerogativa di questa esperienza architettonica è stata quella di pensare ad una proposta progettuale che riuscisse ad assumere senso di concretezza e di fattibilità, pur rimanendo nell’ambito di una tesi di laurea.

Fondamentale importanza è stata data dunque a tutto l’aspetto normativo, ai vincoli imposti e alle regole del buon costruire. La sua collocazione è ricercata attraverso il prolungamento in direzione mare dell’asse longitudinale di uno degli edifici (Laboratorio Artistico) inseriti all’interno del programma architettonico proposto per ‘Villard’ e viene individuata all’altezza della relativa banchina antistante, opportunamente ridimensionata creando, con il suo profilo, una stretta convergenza assiale con il duomo di San Ciriaco. L’edificio congressuale assume anch’esso un prevalente sviluppo longitudinale, ed è costituito sul lato ovest da due maxi sale indipendenti da 500 e 1500 posti. Sul lato est, sei piani di servizi (ristoranti, bar, sale espositive, sale seminari, amministrazione, locali tecnici). Centralmente, un volume in acciaio e vetro a funzione di collegamento. Si evidenzia dunque il tentativo di giocare a contrasto tra opacità, trasparenza, pesantezza e leggerezza delle forme, esprimendo al tempo stesso l’approccio di dialogo nei confronti della morfologia contestuale circostante e l’adeguata funzionalità di ogni singola componente.

Il “gioco” di forme che viene a presentarsi vuole essere interprete di come il mondo d’oggi sia costituito da una società estremamente frenetica, che sempre più raramente trova spazio per la riflessione. La giusta misura del raziocinio agevola la prudenza, stimola al rispetto altrui ed è condizione necessaria per la maturità di ogni singolo individuo. Dunque l’idea della “riflessione” è rappresentata dalla forma pura, trasparente e rigorosa di un prisma rettangolare; la “frenesia” è rappresentata da forme solide, opacizzate, pesanti e irregolari. Un’architettura dunque, che vuole esprimere l’aspetto di un’attuale condizione sociale. Sul lato est l’edificio contenente i relativi servizi assume per i primi tre livelli, una morfologia ad imbarcazione con la “prua” rivolta verso il duomo di San Ciriaco.

Essa svolge anche la funzione di affaccio panoramico abbracciando visivamente tutto il fronte mare anconetano che va dal viale degli Archi al molo nord. La scelta di questa forma e del relativo orientamento, apparentemente scontati vista la collocazione contestuale, prende in realtà significato dal linguaggio della scrittura araldica, dove il simbolo navale indica l’umanità. In questo caso vi è rappresentato il popolo anconetano al quale viene rivolto l’invito a procedere verso un futuro di sviluppo visto in tutte le sue forme, ma senza dimenticare le proprie radici e tradizioni. Un’architettura dunque che nel suo complesso, proponendo messaggi forti e attuali, intende suscitare riflessione e autocritica verso i nostri stili di vita.



Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

Vista interna sala congressi.01Vista interna sala congressi.02Vista interna sala congressi.03

Disegni e rendering