hai scelto:homeprogetti

Intervento:

Allestimento per Pitti Uomo e Pitti Bimbo 2009

Progettisti:

Ilaria Marelli

Luogo:

Firenze

Collaboratori:

Angelo Grassi & C. snc (allestitore)

Commitente:

Pitti Immagine

Anno di redazione del progetto:

2008

Anno di esecuzione:

2009

Fornitori:

Besana Moquettes, Fratelli Edison

Dati dimensionali dell'intervento:

Dream Hotel: 700 mq; Apartment: 1.200 mq.

Foto:

Ilaria Marelli

 

Scenografie da sogno
Doppio allestimento per Ilaria Marelli

Ilaria Marelli ha inaugurato il 2009 con due suggestivi allestimenti per 'Pitti Uomo' e 'Pitti Bimbo', consolidando così anche quest'anno la sua collaborazione con Pitti Immagine.


Dream Hotel
Per il quarto progetto di 'Pitti Immagine Uomo', Ilaria Marelli ha deciso di trasformare lo spazio 'New Beat(s)', dedicato ai giovani marchi d'avanguardia, in un fiabesco 'Dream Hotel'.
Ad accogliere i visitatori e invitarli nella magica atmosfera dell'allestimento, un portale fatto di ali e piume in nicchie specchiate e una grande cornice dorata.
Per ricreare un'atmosfera sognante anche all'interno, oltre ad una selezione di musiche di cantautori francesi, sono state posizionate alcune abat-jour, specchi e poltroncine, ali d'angelo e morbidi pouf.
Le stanze espositive sono state invece trasformate in sorprendenti camere da letto, caratterizzate da diverse interpretazioni della stanza del sogno: un'amaca sospesa, un romantico letto a baldacchino, una culla dorata, la stanza dai molti cuscini e una poetica casa sull'albero.

Il castello delle meraviglie
'Apartment' è invece il concept espositivo della sezione 'Pitti bimbo'.
Questo progetto rappresenta la messa in scena di un lussuoso 'castello delle meraviglie', capace di evocare storie antiche e oggetti tramandati.
Una serie di grandi abat-jour dorate animate da figuranti in costume d'epoca caratterizza l'esterno, mentre all'interno diversi tavoli imbanditi e scudi alle pareti, oltre ad un grande camino centrale, rimandano ad antiche e nobili epoche.
Una piccola stanza degli specchi, capace di duplicare all'infinito le armature come fossero un esercito, fa da ingresso alla sala da pranzo.
Ai lati della scenografia corridoi principeschi e undici stanze a tema, ognuna con un tocco surreale: sedie in legno trasformate in appenderie nella sala da pranzo; vecchi libri impilati verniciati di bianco per la 'stanza della conoscenza', una vasca da bagno antica e una petineuse a ornamento nella 'stanza delle vanità', infine un grammofono e leggii per la 'sala della musica', e così via.
A completare l'allestimento, un accompagnamento sonoro che sottolinea le atmosfere oniriche, sfarzose ma a tratti cupe, dell'intera scenografia.


Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti