hai scelto:homeprogetti

Intervento:

Nuova progettazione residenziale

Anno di esecuzione:

2009

Progettisti:

Nicola Auciello

Luogo:

Roma

Commitente:

Privato

 

Teorema per una casa al Gianicolo
Il nuovo e intimo progetto di Nicola Auciello

'Casa al Gianicolo' e' il progetto dell'Architetto Nicola Auciello realizzato sul famoso colle di Roma.
Questo interessante lavoro nasce da un'attenta riflessione sulla natura dell'immobile e delle richieste della committenza.

E' un'abitazione destinata a una coppia con figli e molti interessi per l'arte, oltre a uno stile di vita rivolto alla convivialita'.
Lo studio in sezione, ancor prima di quello in planimetria, e' stato fondamentale per distribuire gli spazi sui diversi livelli di quota imposti, oltre a rispondere alle diverse richieste funzionali della committenza.
L'appartamento, infatti, si caratterizza per la disposizione su sette livelli di quota: sei le quote preesistenti, la settima (il grande soppalco) è invece stata creata in fase progettuale.

Circa un terzo del grande appartamento e' stato destinato alla zona giorno, living e cucina, con affaccio e accesso diretto al giardino privato; il soppalco attraversa in maniera longitudinale i due ambienti; la ringhiera del soppalco e' il prolungamento in sezione dei pieni e vuoti della zona living, mentre il disegno della pavimentazione proietta a terra il disegno delle doghe, rafforzando il senso di sconfinamento tra un livello e l'altro.

Il soppalco con funzione di zona relax-lettura nella prima parte, si trasforma poi in 'spazio gioco bambino' nell'ambiente cucina, schermato dalla grande parete di cristallo temperato trasparente. La cucina e lo 'spazio gioco bambino' in questo modo interagiscono, si guardano e si lasciano guardare; entrambi sono spazi conviviali: i fornelli e l'arte del cucinare da una parte, dall'altra la leggerezza, l'allegria e l'inventiva del bambino.

Ricorrono nuovamente nel soffitto del bagno della camera padronale le lastre in cristallo temperato trasparente, questa volta con andamento orizzontale: infatti risultano funzionali allo spazio, lasciandosi attraversare dall'illuminazione naturale oltre a fungere da piano-diaframma, creano un gioco di ombre proiettate sul soffitto della camera quasi a creare un cielo stellato.

Ulteriore elemento del progetto e' il lungo setto di diciassette metri che interseca i tre livelli di quota e percorrendoli, ridisegna gli spazi restituendo agli stessi una nuova funzione.

Nello spazio living, la stessa parete ha un'altezza di cinque metri, che poi diminuisce gradualmente, tramite i salti di quota, nello spazio corridoio di distribuzione e nella camera patronale.
L'altezza delle porte filo muro e' stata pareggiata in modo da avere un allineamento superiore costante.

I gradini delle scale fisse, relativi ai salti di quota, sono in cemento resinato color grigio, apparentemente distaccati dalle pareti (con asole di 2cm x 2cm in altezza e profondita').
I pochi materiali, avendo lavorato per progressive sottrazioni e semplificazioni, hanno conferito un tono discreto all'intero intervento: doghe di quercia massiccia, cemento e resina per le scale, resina anche per il rivestimento delle pareti dei bagni con inserti in pietra.

Poche le tonalita' cromatiche, poiché in questo intervento gli unici colori sono quelli dei materiali stessi: il bianco (delle pareti tinteggiate con smalti opachi e della stessa luce naturale e artificiale), il marrone-grigio della quercia e il grigio (della pietra cucina).

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Disegni e rendering