hai scelto:homeprogetti

Intervento:

Ristrutturazione di edificio esistente

Luogo:

Milano

Progettisti:

studiometrico -

Progettisti:

Francesca Murialdo e Lorenzo Bini

Commitente:

Comvert Srl

Anno di redazione del progetto:

2007

Anno di esecuzione:

2008

Imprese esecutrici:

Habitat 2002, Staurenghi Impianti, Telmotor

Dati dimensionali dell'intervento:

1400 mq.

Foto:

Giuliano Berarducci

Collaboratori:

Marco Lampugnani

 

Bastard Store
Un vecchio cinema si trasforma in negozio

Untitled Document

Il progetto bastard store realizzato da studiometrico ha ottenuto un'importante riconoscimento internazionale, vincendo l'ArchDaily Building of the Year Award 2009 nella categoria "Interiors". Si tratta della ristrutturazione di un vecchio cinema, trasformato in un moderno e funzionale negozio.

Progettato dall'Ing. Mario Cavalle' negli anni '40, Il Cinema Istria di Milano e' un edificio con una superficie totale di 1.400 mq e un volume principale di 6.600 mc occupato dalla vecchia platea e da una galleria di 350 mq.
Nel 2007 inizia la ristrutturazione. Il progetto e' iniziato con l'osservazione e la registrazione di informazioni sulle abitudini, le attitudini e i desideri delle persone che lavorano dentro Comvert.
Questi dati hanno reso possibile la ri-definizione di un modo di lavorare auspicato e condiviso e alla costruzione di spazi in grado di facilitare la comunicazione continua tra le persone.

L'ingresso principale, un ambiente regolare di 70 mq, e' stato trasformato nel primo bastard-store, concepito non solo per vendere, ma soprattutto per conoscere le persone che condividono la storia e la cultura di bastard.
Gli elementi d'arredo del negozio sono montati su ruote in modo da poter essere disposti liberamente. I banchi della cassa e gli espositori per l'abbigliamento sono stati realizzati assemblando pannelli tri-strato di larice avanzati dalla costruzione degli uffici, i camerini sono rivestiti con gli scarti in legno lamellare della Bastard Bowl.
Un sistema di "aste" sagomate in legno d'abete e' stato progettato per consentire di esporre in modo flessibile t-shirts, skateboards, occhiali da sole e mascherine da snowboard.

All'interno del grande spazio, alto circa 15 m, della vecchia platea, a ridosso della parete di fondo dove un tempo giaceva lo schermo per le proiezioni, e' stata costruita una struttura industriale in metallo verniciato su due livelli che viene utilizzata come magazzino per i prodotti.

Gli accessi principali al magazzino avvengono attraverso la parete di fondo degli uffici dell'amministrazione oppure direttamente da un cortile - collegato a Via Slataper - che si estende lungo uno dei due fianchi dell'edificio.

Gli uffici per la progettazione dei prodotti, sono "costruiti" sulla superficie inclinata della galleria.
La balconata, proiettata sul volume della platea, e', insieme alla Bastard Bowl, l'ambiente piu' spettacolare e rappresentativo.
Sulla superficie inclinata dei gradoni e' stata fissata una struttura in acciaio che porta una serie di piattaforme in legno che ne modificano e rettificano i livelli senza negarne la natura.
Il rivestimento, in pannelli tri-strato di larice, funziona come balaustra o scrivania per le postazioni di lavoro individuale. Balaustre in acciaio stirato caratterizzano le piattaforme del lavoro collettivo.

Sospesa a circa 6 metri d'altezza sulla struttura del magazzino, collocata di fronte alla galleria, Bastard Bowl e' l'orgoglio, l'attrazione e il "sogno che diventa realta'" per i soci, i dipendenti, gli amici e i team-riders di Bastard.
La scelta di collocare questo "catino" di 200 mq sopra il magazzino e' nata dalla necessita' di non consumare spazio e dalla volonta' di stabilire una relazione visiva e spaziale con gli uffici della galleria. La struttura, realizzata in legno lamellare e putrelle in acciaio calandrate, e' stata progettata da Comvert insieme allo studio d'ingegneria Atelier-LC e non ha precedenti in Italia.

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti