hai scelto:homeprogettiallestimenti

Intervento:

Progetto di allestimento per stand fieristico brand Elica Collection

Luogo:

FTK Technology For the Kitchen Nuovo Polo Fieristico Rho-Pero - Milano

Progettisti:

Riccardo Diotallevi

Collaboratori:

Andrea Giust

Commitente:

Elica, Fabriano

Anno di redazione del progetto:

2006

Anno di esecuzione:

2006

Imprese esecutrici:

Xilografia Nuova, Milano Dati dimensionali: 320 mq.

Marchi:

Elica

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Fast Concept
Grandi forme aerodinamiche, colori forti e vivace emotivita' progettuale interpretano gli spazi espositivi di Elica a FTK 2006

Due grandi membrane in tensione, plasmate dall'aria, ci riconducono ad un'aerodinamica galleria del vento con una grande turbina e un suo cunicolo di spinta. È presso l'evento FKT, Tecnology For the Kitchen, tenutosi in occasione di Eurocucina del Salone del Mobile 2006 presso la nuova fiera di Milano, che l'architetto Riccardo Diotallevi con l'allestimento per Elica, riesce a farci attraversare dalla forza dell'aria.

Innovazioni sensoriali interpretano Elica, brand leader nel mondo per la produzione di cappe aspiranti ad alto contenuto di tecnologia e design. Ad accoglierci un imponente bancone da lavoro, che comunica la solidita' e l'importanza della cucina con la forza della sua stessa materia: il travertino persiano, che si mette in contrasto con il resto dell'ambientazione che per leggerezza di struttura e materiali, pare volare.

Due portali d'impatto costituiti da una struttura metallica in tubo d'alluminio dialogano fra loro: il soffio di vento rigonfia una grande macchina motrice rotondeggiante Dom, calandrata su una sagoma ellittica. Questa spinge verso un tunnel, con struttura in alluminio ad arco che presenta una strozzatura al centro (a rievocare la rastrematura necessaria per permettere una piu' veloce risalita dei fumi sopra la cappa del camino, simbolo del fulcro della cucina).

L'impatto cromatico invertito nei due volumi, ci parla delle affinita' tra i due ambienti ma anche della loro identita'. Controventature in nylon nere e arancio tendono un'epidermide elastica in lycra. Lycra arancio per Dom, a rievocare il colore della cucina, come energia della fiamma, come il colore delle pentole in rame arrossate sul fuoco; lycra nera per il mistero e l'intrigo del tunnel dell'esperienza.

"Creare un'ambientazione scenica, che tiene conto della quarta dimensione per poter fare architettura, costruita componendo elementi penetranti per i sensi del toccare, dell'ascoltare, in un immaginario onirico in giuste dosi dosate dall'occhio attraverso le luci e i colori, i contrasti dei materiali dati agli oggetti, metafore, icone dove la semantica raggiunge livelli importanti".

Questa la filosofia di Riccardo Diotallevi che riesce a farci percepire questo allestimento nella sua totalita': non solo come contenitore, con la funzione di involucro, ma anche per cio' che nasconde e protegge. Incamminandoci infatti all'interno del tunnel dell'esperienza ci troviamo dinnanzi ad una serie di piccole stanze intime e silenti dove fanno da protagoniste diverse cappe d'avanguardia, e prototipi che ci mostrano la ricerca di Elica, quali strade sta esplorando, dove puo' arrivare.

Proseguendo verso l'interno della cupola, veniamo ospitati da un ambiente che riproduce un confortevole salotto con moquette e poltrone ammorbidite da un caldo colore moka, dove galleggiano, sospese, le nuove cappe Evolution, che simulano lampadari e tratteranno l'aria anche nel nuovo concetto di cucina allargata di un futuro prossimo: la fusione tra cucina-soggiorno in un unico ambiente.

Esternamente, i vapori della cucina sembrano materializzarsi e venire assorbiti dalle due cappe ad isola Menhir, ultimi elementi di un ipotetico condotto d'aerazione che nasce da una parete filtrante. Sovente si considera lo spazio come un attributo oggettivo delle cose, nascondendo il fatto che esiste anche quello soggettivo, figlio della nostra sensazione, che Riccardo Diotallevi riesce a mostrarci in questa realizzazione: "Emozionare, solleticare i sentimenti, fastidiosi o misteriosi, poiche' spesso ricercati e voluti".

La comunicabilita' istantanea legata al concetto spazio-tempo, diviene architettura, proiettata verso un concetto temporale, capace di comprendere lo spazio, e vivere per mezzo della struttura, offrendoci punti di vista che ce la fanno capire e vivere. Elica conferma con questa installazione coinvolgente la sua continua ricerca di nuovi modi d'interpretazione della contemporaneita', come stimolo per la visione d'avanguardia di un futuro prossimo.

Raffaella Ballerini

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

01020304050607080910

Disegni e rendering