hai scelto:homeprogettidesign

Luogo:

Milano

Progettisti:

Maggioni Marco

Commitente:

Domestik

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Creazioni instabili
L'incontro tra le visioni progettuali di Marco Maggioni e la realta' produttiva di Domestik

Manipolando quella materia prima inesauribile che e' l'immaginazione, Marco Maggioni intraprende tutti i possibili percorsi non ancora tracciati dalla creativita' progettuale verso il futuro delle idee, mai assolutamente definito in un mondo in continua evoluzione, dove le forme sono solo segnali e simboli della relativita' temporale e della sensibilita' soggettiva con la quale viene costruita la realta' esterna. Sotto questa luce le creazioni di Maggioni appaiono come espressione di nuove esperienze percettive, sensoriali e piu' generalmente relazionali sempre nuove e sollecitanti.

Nel vedere totalmente e a fondo le cose e la natura circostanti, l'artista impara a leggerne l'anima e a spingere fino al limite del possibile il confine tra il fantastico e il reale, laddove e' anche l'orizzonte creativo di Maggioni, il quale dichiara esplicitamente di rifarsi ad oggetti pensati per stabilire una residenza emotiva nell'essere di chi si avvicina a loro: utilizzandoli o semplicemente contemplandoli.

Ecco l'empatia del progetto in cui s'inseriscono nuove forme alle quali spetta il compito di descrivere il limite visibile del confine immaginario e fantastico di una realta' che e' dinamica e fluida come l'emotivita' soggettiva che fa da interfaccia con essa. Ricercare, sperimentare, intraprendere nuovi percorsi e' lo slancio fantastico e immaginifico che esplicita l'apoteosi progettuale del designer nella volonta' di esplorare infiniti possibili mondi in simbiosi con le piu' disparate e articolate realta' industriali.

La sintesi tra "creare" e "fare" e' la scena in cui emergono come protagonisti Marco Maggioni e la Domestik, azienda di Valmadrera (Lecco) per cui il designer ligure ha pensato ed ideato O-Shape, D-Light e C-Frame: tre oggetti dalle suggestioni oniriche e sensoriali. Una buona interazione tra azienda e creatore e' - e qui ne troviamo un esempio - il presupposto per il successo di nuovi progetti e realizzazioni.

La Domestik e' una societa' che si e' sempre orientata al miglioramento di sistemi e articoli per la casa e l'arredo attraverso l'impiego del filo, del tubo metallico e della lamiera: punto di partenza nell'evoluzione della gamma dei suoi prodotti. La scelta di linee semplici, ma originali, leggere e dinamiche hanno reso l'azienda lombarda al passo con i tempi moderni, aperta anche all'introduzione di nuove tecniche di lavorazione.

Inoltre, la possibilita' di una vasta scelta nella gamma di colori offerti ha permesso la realizzazione di complementi d'arredo dalle molteplici personalita'. Identita' aziendale e astrazione: e' sulla sottile linea di giunzione di questi due concetti che lavora il progettista. Il percorso inizia con O-Shape, un programma innovativo di complementi d'arredo concepito come un'estensione giocosamente mutevole della pura e semplice funzione d'uso.

Essi, infatti, nella loro concatenazione di vuoti e pieni circolari costituiscono un sistema d'aggregazione e crescita con il quale possono comporsi scaffali-librerie, contenitori su rotelle o senza in uno sviluppo geometrico e dimensionale. Il programma e' interamente realizzato in lamiera lavorata con tecnologia al laser e verniciata a forno con polveri epossidiche di vari colori.

L'immediatezza industriale e' un ulteriore aspetto del pensiero progettuale del designer ligure e si manifesta qui nel facile montaggio ad incastro di tutti gli elementi senza l'ausilio di viti. Concezione creativa che si rapporta sinergicamente con l'obiettivo della Domestick di produrre sistemi che siano in grado di sfruttare ogni spazio disponibile con elasticita' di composizione e raffinata eleganza d'impatto visivo.

Il tondino in acciaio e' l'essenza visiva e materiale di D-Light: la seconda ideazione di Maggioni. Anche in questo caso si tratta di una famiglia di complementi d'arredo. Qui le differenti possibilita' di composizione di ogni singolo elemento e dei loro insiemi consentono di personalizzare con il fascino della semplicita' lo spazio nella casa o nell'ufficio.

La natura dinamica e fluida caratterizza la forma la cui linea insegue un profilo continuo tra spazio e mondo sensibile dove i ripiani colorati sembrano tracciare un gioco d'appoggi cosi' delicato e leggero da far dimenticare il peso della gravita'. La luce si riflette, s'insinua, rende piu' o meno consistenti all'impressione ottica tutti gli elementi, pensati seguendo anche in questo caso il concetto comune di smontabilita' e mobilita' (rotelle alla base per un facile trasporto).

La struttura del profilo e', appunto, in tondino di ferro color argento e i ripiani in lamiera, verniciati con polveri epossidiche sono disponibili nei diversi colori proposti da Domestik. L'iter progettuale si conclude con C-Frame, un'altra gamma di contenitori e piani di appoggio lussuosi e misteriosi nella loro esuberante semplicita' volta ad arricchire il carattere della casa o dell'ufficio.

Il programma e' composto da moduli base stand-alone che offrono diverse possibilita' di composizione e aggregazione, per meglio sottolineare l'architettura di ogni spazio. Ogni modulo e' contraddistinto da un'antina che protegge il contenuto ed evidenzia la sua preziosita', qualunque sia la sua natura.

La linea e' arricchita dai nuovi piani d'appoggio composti da un doppio telaio policromo che contorna di armonia, in un volume intuitivo, il vuoto interno..."Una finestra che si apre". O-Shape, D-Light, CFrame: l'impulso poetico di Marco Maggioni che, mescolando la materia dell'immaginazione con la materia della realta', si proietta nell'universo di una semantica nuova conseguenza propria della trasposizione dell'animo umano, nell'animo delle cose.

Milo Valentini

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

01020304

Disegni e rendering