hai scelto:homeprogettidesign

Luogo:

Milano

Progettisti:

Politecnico Milano

Commitente:

Gardesa

Autore:

Centro internazionale di ricerca del design: POLI.design del Politecnico di Milano

Coordinamento generale:

Deserti Alessandro prof. arch. di Design al Politecnico di Milano

Team project:

venticinque giovani progettisti del Politecnico

Categoria di lavoro:

Workshop

Titolo:

"Abitare la soglia: l'ingresso di casa come luogo da vivere"

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Home Design
I giovani talenti del POLI.design di Milano interpretano la nuova forma dell'accesso domestico insieme ad una azienda leader di settore

Pensare all'atrio della casa e scorgerne le molteplici possibilita' di fruizione. Non solo luogo di passaggio, frontiera domestica del self. L'atrio, l'ingresso, nella nuova dimensione dell'abitare, con unita' residenziali sempre piu' piccole, diventa spazio di valore, al pari di tutti gli altri luoghi della casa.

Da questa nuova consapevolezza, nasce il workshop "Abitare la soglia", una collaborazione fra Gardesa, azienda emiliana specializzata in prodotti di sicurezza e il POLI.design del Politecnico di Milano, uno dei piu' autorevoli centri di ricerca nel mondo del design a livello internazionale. "Abitare la soglia" ha coinvolto circa venticinque giovani progettisti del Politecnico, nella realizzazione di venti concept innovativi di prodotto che vanno ad implementare il patrimonio di innovazione aziendale da concretizzare nei prossimi anni.

"Il progetto - dice Lorenzo Muratori, Direttore Generale Gardesa - vuole andare oltre il pannello, inteso come struttura di rivestimento della porta. La nostra strategia aziendale si prefigge di dare vantaggio competitivo al rivenditore e interpretare tutto cio' che si muove di nuovo nella gestione dell'abitare la casa, per incontrare le aspettative del cliente finale".

La collaborazione con il consorzio POLI.design, durata ventiquattro mesi, ha definito inizialmente l'ambito di progettazione possibile attraverso l'analisi del contesto di produzione, distribuzione e comunicazione internazionale delle porte per abitazione ed altri spazi e lo studio dei consumi e delle tendenze in atto nei settori emergenti che guidano la formazione del gusto in Europa.

"Questa densa indagine - spiega Flaviano Celaschi, ordinario di design del Politecnico di Torino e coordinatore del progetto - ha permesso di focalizzare una strategia di innovazione intorno ad una nuova esigenza della domesticita' che e' stata sintetizzata proprio nello slogan "Abitare la soglia: l'ingresso di casa come luogo da vivere".

Abitare la soglia significa rendersi conto che la famiglia contemporanea abita tutta la casa: dall'esterno, in prossimita' dell'ingresso, fino al ripostiglio. "Ogni momento della vita domestica - prosegue Alessandro Deserti, prof. arch. di Design al Politecnico di Milano - merita attenzione e impegna investimenti, tecnologie, prestazioni al passo con i tempi.

L'ingresso e', conseguentemente, un punto strategico di questo processo di fruizione intenso della casa. E' il luogo dell'incontro, dell'ammissione nella casa, il punto di mediazione dove si frenano le pressioni esterne e si fanno trapelare le idealita' del benessere domestico, del proprio stile di vita, dei propri gusti e delle sensibilita' di cui ogni casa e' simbolo".

Abitare la soglia significa, dunque, lavorare per realizzare in questo spazio, un luogo da abitare e non uno spazio di risulta, un atrio di accoglienza e funzionalita' e non un margine, un biglietto da visita della casa e non uno sbarramento anonimo. Gardesa, partendo dall'assunto che ha sempre distinto la sua mission aziendale, della sicurezza come bisogno irrinunciabile, ha interpretato il risultato della vasta attivita' di ricerca socio-economica, dando senso e concretezza all'atrio offrendo tecnologie, forme e funzionalita'. Asola e Theta, sono due dei venti concept presentati, gia' entrati in produzione industriale.

Se Asola e' la soluzione per chiudere in sicurezza ambienti non necessariamente domestici (ufficio, atelier, showroom e spazi non convenzionali) con un design che ricalca le forme degli elettrodomestici americani negli anni Cinquanta, Theta si presenta come una cassaforte per la casa, con un dispositivo ingegnoso e semplice che ricorda la porta di un castello medioevale che protegge la famiglia in modo evidente e chiaro, senza sotterfugi elettronici e rischi di non funzionamento, con l'ironia intrinseca nell'eleganza della struttura metallica originale e inespugnabile.

Asola e Theta, sintetizzano la progettualita' contemporanea di Gardesa, che propone attraverso l'elemento porta, un atrio dotato di equipaggiamenti, materiali e stili inediti.

Rosita Romeo

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

010203040506

Disegni e rendering