hai scelto:homeprogettipaesaggio

Intervento:

Progetto di arredo urbano

Luogo:

Via Cameranesi, Falconara Marittima (AN)

Progettisti:

A4 Associati architetti & ingegneri

Progetto:

Arch. Gabriele Solustri, arch. Daniele Cataldi, arch. Aldo Gialleonardo, ing. Marco Marziani

Collaboratori:

Progetto illuminotecnica: Effetto luce

Commitente:

Comune di Falconara Marittima

Anno di redazione del progetto:

2002-2003

Anno di esecuzione:

2003-2004

Imprese esecutrici:

CAM spa

Fornitori:

Pavimentazione: Cotto Sanniti; illuminazione: Artemide, iGuzzini; opere in ferro: Vescovi e C. snc

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Percorso protetto a misura di bambino
A Falconara i bambini 'a scuola vanno da soli'

Via Cameranesi: il progetto di ripristino ed arredo urbano Il perimetro a nord ovest della cinta muraria del castello di Falconara Alta, attuale sede del Comune di Falconara Marittima, viene individuato da via Cameranesi le cui condizioni di mantenimento, la necessita' di ripavimentare il tracciato e di ripristinare il sistema fognario nonche' l'esigenza di porre in opera ex novo la rete dei sottoservizi, hanno originato un progetto - su varie scale di intervento - che assume il ruolo di occasione e volano per la riqualificazione e la valorizzazione di parte del centro storico.

Il percorso - che si estende per circa 160 metri – causa interventi frammentari al suolo e sulle facciate degli edifici si presentava in particolare stato di degrado, condizione esagerata anche dall'impoverimento "formale" dovuto, soprattutto, alla presenza di disordinate linee elettriche aeree, dalla mancanza di punti di riferimento, dalla scarsa presenza di illuminazione pubblica e dalla sosta non regolamentata dei veicoli.

Superato "il fraintendimento che il progetto si divida nei fuochi della costruzione, del rivestimento, dell'ornamentazione", si e' pensato all'uso del cotto come elemento risolutore che traducesse "la ideazione in qualcosa di unitario e sintetico, se pure articolato in varie fasi e strategie differenti" ponendo, quale priorita', la definizione di regole percettive utili a liberare la prospettiva e a strutturare con precisione gli elementi.

Individuati gli assi mediani del percorso, e' stato messo a punto un sistema di cerniere - caratterizzate dalla sistemazione di caditoie nel fulcro delle stesse - che riconducessero la percorrenza ad un unico riferimento che, snodandosi per l'intera via Cameranesi, allacciasse la preesistenza storica – il castello – ed esaltasse i nodi principali, individuati dal percorso, fra i quali risultano essere piu' significativi: lo spazio antistante l'ingresso della sala convegni comunale - per la quale viene ripensata la scala di accesso come significativo elemento di arredo - e le scalinate di attacco alla viabilita' circostante e al punto di interesse panoramico della terrazza-giardino.

In particolare i fondamentali passaggi che costituiscono, all'interno dell'impianto progettuale, gli apparati predisposti alla ricerca di un generale riassetto compositivo di ripristino e valorizzazione sono: il rigoroso uso della tessitura della pavimentazione in cotto, materiale scelto per la grande valenza architettonica della materia e per il portato culturale e di tradizione; l'uso del marmo botticino che esalta gli attacchi con le preesistenze e arricchisce gli elementi quali le caditoie, le testate degli scalini, gli elementi di contenimento e gli arredi ed infine l'allestimento illuminotecnico, che si avvale di elementi puntuali di matrice volutamente minimalista e si pone come insieme di segnali posti ad individuare, lungo il percorso, gli snodi, i luoghi di sosta, la semplice percorrenza.

Il progetto 'A scuola andiamo da soli' del Comune di Falconara
il progetto 'A scuola andiamo da soli' nasce dalla volonta' del Comune di Falconara Marittima di avviare un programma di riqualificazione urbana rispettoso delle esigenze dei bambini e di altre utenze deboli. Un'occasione importante per un rinnovamento urbano rispondente anche alle richieste emotive e sociali degli abitanti, oltre che alle ragioni economiche e del traffico.

Gli utenti bambini, assunti a parametro dell'intervento, hanno avuto modo di rendere espliciti desideri ed esigenze in merito alle scelte e alle politiche urbanistiche con il metodo della "progettazione partecipata", sull'esempio delle esperienze maturate nell'ambito del Laboratorio di Fano e della 'Citta' sostenibile delle bambine e dei bambini' patrocinata dal Ministero dell'Ambiente.

Il progetto passa attraverso interventi di diversa scala, che vanno dalla definizione del percorso sicuro, protetto e privo di barriere architettoniche, alla progettazione di alcune aree libere; dall'elaborazione di scelte progettuali per la valorizzazione del percorso protetto con inserimento di aree verdi e spazi di sosta, alla definizione di strategie di comunicazione tese al coinvolgimento della popolazione.

E ancora, l'ideazione del nuovo ingresso pedonale e degli spazi di pertinenza della scuola, la scelta del nome della mascotte che identifica il progetto, la pubblicazione degli esiti progettuali e delle esperienze condotte in seno ai vari laboratori. Fondamentale una segnalazione efficace, utile per l'orientamento dei bambini e monito per gli automobilisti che transitano nei pressi, con inserti nella pavimentazione contenenti contrassegni di riconoscimento (logo–impronta di colore arancio) ed una segnaletica ben visibile, alla distanza, di alcuni elementi di arredo urbano.

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

0102030405060708