hai scelto:homeprogettiristrutturazioni

Intervento:

Ristrutturazione di un'unit immobiliare a carattere residenziale

Luogo:

Vicolo Orti della Magliana, 11 Quartiere Portuense - Roma

Commitente:

Giuseppe Satulli

Progettisti:

Lorenzo Borgia

Anno di redazione del progetto:

2001

Anno di esecuzione:

2002

Imprese esecutrici:

Instel di Nicolino Grantalino

Dati dimensionali dell'intervento:

Superficie mq. 70

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Cromie metropolitane
Geometrie semplici e colori decisi fluidificano gli spazi e rendono nuovo l'appartamento

Un appartamento visibilmente piu' grande rispetto alle dimensioni reali. Questo e' quello che ha chiesto una giovane coppia romana all'architetto Lorenzo Borgia, chiamato a ristrutturare un appartamento di circa 70 mq, dalle classiche fattezze, con ampio terrazzo, nel quartiere Portuense. E' una costante richiesta della committenza, quella di "ingrandire" gli spazi, a cui gli architetti rispondono attraverso l'intervento "per sottrazione", ovvero il sostanziale abbattimento delle trame murarie e il ridotto utilizzo del numero dei materiali e dei colori per non interrompere la continuita' visiva degli ambienti.

Filosofia d'intervento utilizzata in questo caso anche da Borgia che "illude" la percezione ottica attraverso geometrie semplici enfatizzate da pochi colori decisi. L'abitazione in origine aveva una distribuzione spaziale classica con un lungo corridoio centrale che permetteva l'accesso alle diverse camere. La cucina era posta in prossimita' dell'ingresso, sul lato destro, seguita dal bagno ed in posizione terminale era dislocato il soggiorno che si affacciava sulle coperture dei locali posti al piano terra.

La prima necessita' da soddisfare e' stata quella di "ingrandire e fluidificare" l'ambiente, svecchiarlo non solo nelle forme ma anche nei colori, rendendolo conforme alle esigenze della giovane coppia. L'appartamento viene dunque totalmente destrutturato attraverso la demolizione di tutte le tramezzature interne per realizzare un nuovo ordine distributivo. La vecchia zona giorno lascia spazio ad una piccola camera realizzata in prossimita' dell'ingresso, destinando la parte rimanente, ampia, fluida, senza porte ne' pareti, agli ambienti cucina-soggiorno-living identificati dalle geometrie degli arredi.

Il terrazzo, generoso, su due livelli, affacciato sulla campagna romana, diventa in estate, la prosecuzione del living, per la felice intuizione di utilizzare per la pavimentazione il gres porcellanato, chiaro, neutro, scelto anche per il resto della casa, cosi' da unificare gli ambienti senza soluzione di continuita'. Per dare luminosita' alla zona giorno si e' optato per il bianco come colore dominante e per gli accenti netti del wenge' del grande bancone a forte spessore e del piano della panca, del rosso cupo del divano, e del grigio della parete rifinita in intonaco grezzo.

La vecchia zona notte invece, occupata nella originaria disposizione da due camere, e' stata ridisegnata interpretando i desideri della coppia: una camera da letto padronale con cabina armadio e una sala da bagno. L'ampia camera ricalca i contrasti cromatici della zona giorno con il letto e il mobile contenitore in wenge' e la parete che fa da testata al letto, rosso porpora.

La sala da bagno e' stata divisa in due ambienti da una porta scorrevole in cristallo che filtra la luce del sole e la distribuisce nel locale interno in cui sono stati posizionati simmetricamente i due lavabi e in posizione preponderante la grande vasca idromassaggio.

Sdrammatizza il totale candore, la parete che fa da sfondo alla vasca rivestita con un mosaico in pietre colorate. Il bagno e' l'ambiente scenico dell'appartamento, regale per le proporzioni e per il bianco dominante, affascinante per i giochi di luce che filtrano dalle porte di cristallo e variano nelle diverse ore del giorno.

Rosita Romeo

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

010203040506

Disegni e rendering