hai scelto:homeprogettiaree commerciali

Intervento:

Realizzazione di una filiale di Banca Nuova

Luogo:

Via Etruria, 6 - Roma

Progettisti:

Edimagi s.n.c. di Stefano Magi

Collaboratori:

Geom. Maurizio Gualdani, ing. Antonio Lovito

Commitente:

Banca Nuova S.p.a.

Anno di redazione del progetto:

2004

Anno di esecuzione:

2005

Imprese esecutrici:

Edil Magi s.n.c.

Dati dimensionali dell'intervento:

550 mq. su due livelli

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Frontiere rassicuranti
Colori caldi e spazi aperti trasformano la banca in luogo familiare dove riporre il valore della fiducia.

In una via del centro storico romano, a due passi da Piazza Re di Roma, un'innovativa filiale di Banca Nuova, muta il rapporto fra risparmiatore e istituto bancario, che da asettico diventa familiare attraverso una serie di accorgimenti di interior design. La committenza ha voluto che l'ambiente della nuova filiale fosse familiare, diverso dagli ambienti tipo, dai "colori scuri, pensando ai quali si immagina soprattutto il tempo perduto in file in piedi davanti a sportelli dietro cui in camicia e cravatta impiegati esplorano i conti dei risparmiatori".

Partendo da questo presupposto, l'edifico al piano terra, realizzato negli anni Settanta, i cui locali erano fino a poco tempo fa occupati da un negozio di abiti da sposa, si trasforma in un luogo di relazioni e scambi personali oltre che economici. In fase di progettazione, la planimetria di entrambi i piani si presentava in modo piuttosto atipico per una filiale di un istituto di credito. Uno sviluppo longitudinale a discapito della profondita' rischiava di costringere gli ambienti in un antiestetico effetto imbuto.

La soluzione ottimale per l'armonizzazione degli spazi e per mitigare proprio l'effetto imbuto che, per forza di cose, il necessario lungo corridoio creava, e' stata quella di utilizzare separatori semitrasparenti cosi' da "fluidificare" le zone. Individuata la soluzione al problema principale lo step successivo e' stato quello di interpretare la banca su misura alle esigenze dei risparmiatori, creando un ambiente accogliente, sospeso nella calda atmosfera dei colori della terra cosi' da rendere piu' gradevoli i minuti da passare in attesa.

Il primo distinguo dalle strutture tradizionali e' stata la porta d'ingresso. Scartata l'idea delle bussole, anguste e "osservatrici", si e' optato per un accesso "ampio e gradevole" con una doppia porta in vetro che consente di vedere gran parte degli ingressi dell'istituto di credito. Frontiera fra il caos della strada e la tranquillita' dell'ambiente bancario, varcata la porta in vetri si entra in una dimensione in cui vige il codice di comunicazione economico nel pieno rispetto della persona.

L'illuminazione artificiale dall'effetto rilassante enfatizza il calore della terra fiorentina delle pareti e i toni accoglienti del parquet in palissandro. Poltrone e scrivanie al posto degli sportelli, mediano la relazione fra utente e bancario. Uno spazio ampio e accogliente a destra dell'ingresso e sopraelevato rispetto alla zona d'attesa da due alzate e' il luogo delle operazioni, anche quelle di routine. Ci si accomoda su una poltrona davanti alla scrivania e si interagisce con l'operatore. In tutta tranquillita'.

Gli uffici sono disposti alla sinistra della porta d'ingresso e al piano superiore, dove si trovano la sala riunioni e i servizi, a cui si accede attraverso una leggera scala in legno e in acciaio o tramite l'ascensore. Elementi di collegamento pensati per un uso comune dei risparmiatori e degli operatori, in un logica di mescolanza di percorsi appositamente voluta per rimarcare la fluidita' delle relazioni all'interno della filiale. Colori caldi, spazi accoglienti, linee di separazione ridotte al minimo e in alcuni casi inesistenti, per creare un ambiente calmo, trasparente, in cui riporre anche la propria fiducia.

Rosita Romeo

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Galleria immagini

010203

Disegni e rendering