hai scelto:homeprogettidesign

Intervento:

Primo premio concorso Viaggio nel Salento

Luogo:

Lecce

Progettisti:

aut_Miglietta Associati

Progetto:

Marco Miglietta, Rita Miglietta, Valeria Crasto - aut_MIGLIETTA ASSOCIATI

Commitente:

Over Costruzioni s.r.l. promotrice del concorso

Anno di redazione del progetto:

2004

Anno di esecuzione:

In fase di realizzazione presso Albergo Continental - Lecce

Dati dimensionali dell'intervento:

18 mq.

 

TRATTO DALLA RIVISTA:

Il Salento in una stanza
La camera d'albergo di Miglietta Associati vince il concorso di progettazione

"Alla ricerca di idee...suggerite o meno da quello che una sola stanza riesce a contenere"
Filosofia del camminare.
Esercizi di meditazione mediterranea,
Duccio Demetrio

Da qualche tempo, la penisola salentina e' attraversata da un insieme composito di riflessioni attorno alla sua definizione identitaria o piu' semplicemente da un dibattito che definisca un virtuoso equilibrio tra sviluppo turistico e tradizione. Nella dialettica degli opposti manca, a mio avviso, la declinazione di una modernita' in salsa salentina, di un modello proiettato nel presente che sia capace di far emergere un paesaggio di idee, di talenti che guardano cio' che sta davanti, non trascurando le stratificazioni gia' consolidate.

Un piccolo segno, nella direzione della modernita', e' rappresentato da Viaggio nel Salento, concorso di progettazione di una struttura alberghiera nella citta' di Lecce promosso da Over Costruzioni. In linea con le tendenze della progettazione alberghiera contemporanea che, alla omogeneita' delle camere, sostituisce un'offerta articolata ed esclusiva, il bando di concorso sottolinea come questa differenziazione creativa dovesse emergere da un racconto ispirato dal Salento. L'iniziativa, rivolta a giovani progettisti salentini, ha visto come espressione piu' efficace il progetto presentato da Miglietta Associati, ensemble di brillanti architetti che hanno proposto un'idea progettuale sintetizzata nel titolo Il paesaggio in una stanza.

Il progetto nasce dall'interpretazione del territorio come figura forte che lascia emergere un'identita' rappresentata sulla superficie del paesaggio. Quest'immagine del Salento diviene forma funzionale che privilegia, nello sviluppo del progetto, l'individuazione di una porzione di territorio da riprodurre nel disegno della stanza. Le scelte compositive ed estetiche consolidano il rapporto tra forma e funzione, minimizzando la componente decorativa, ornamentale.

A determinare la struttura del progetto non e' una semplice ragione estetica di ascendenza minimale, bensi' il desiderio di costruire una liason privilegiata tra esperienza e conoscenza. Il viaggio si trasforma cosi' in occasione polisensoriale che vede lo spazio della stanza come ambiente mentale oltre che fisico. Il visitatore/ viaggiatore si trova di fronte ad un catalogo paesaggistico che veicola informazioni legate al territorio. Si crea una sorte di ponte che collega i sapori, gli odori, le vedute esterne con l'interno della struttura alberghiera. Un'attenta analisi del paesaggio salentino inteso come processo stratificato di pratiche umane e naturali ha stimolato la scelta di Miglietta Associati di definire una stanza ispirata dalla morfologia delle cave a cielo aperto da cui si estrae la "pietra leccese".

Questi caratteristici insediamenti ambientali si articolano in negativo sotto quota zero dando forma a complesse geometrie, in positivo l'estrazione del materiale configura un insieme di manufatti. Con la tecnica dello stampo i progettisti hanno disegnato un quadro in rilievo, materico, che lascia emergere dalle pieghe della sua forma, ora un centro antico, ora una masseria fino a perdersi nella naturalezza di un muro a secco. La scelta non e' evocativa o celebrativa della pietra leccese ma propone una reinterpretazione del materiale che si traduce nell'utilizzo del Corian. Materiale innovativo che garantisce omogeneita' e malleabilita'.

Una massa compatta di Corian plasmata e intagliata e' la rappresentazione plastica del paesaggio, un pieno nel cui spessore ritagliare vuoti dai contorni netti come le cave. Questo agglomerato materico definisce lo spazio e puo' essere utilizzato come elemento d'arredo. Mediante un gioco compositivo di pieni e vuoti, questa massa ospita verso la camera da letto abiti, televisore ecc., verso il bagno diviene elemento di rivestimento della zona doccia. Il Corian si trasforma cosi' in campitura unificante che attraverso un gioco di pieni e di vuoti che a loro volta determinano un alternarsi di luce e ombra vanno a formare il quadro, l'esperienza che attiva nell'ospite, un viaggio polisensoriale. Miglietta Associati hanno sviluppato un progetto che sembra evocare il sapore spaziale e l'attenzione ambientale, racchiusa nell'esperienza artistica di Enrico Castellani, grande artista "povero".

Marco Petroni

Progettisti

Leggi la scheda completa del progettista oppure sfoglia direttamente gli altri progetti

Disegni e rendering